Contatore dell'acqua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il contatore dell'acqua è uno strumento di misura installato tipicamente dal fornitore di servizi idrici per contabilizzare i consumi di acqua pubblica per ogni utenza.

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

Il contatore è un dispositivo meccanico, all'interno del quale transita l'acqua in erogazione che fa muovere delle turbine che azionano i dispositivi interni per il calcolo dell'acqua consumata.

La lettura del contatore[modifica | modifica wikitesto]

Contatori a lancette[modifica | modifica wikitesto]

Un contatore a lancette ha delle lancette nere e rosse. Le lancette che vanno considerate sono soltanto quelle nere, che sono accompagnate da un numero moltiplicatore:

  • "x1" per le unità
  • "x10" per le decine
  • "x100" per le centinaia
  • "x1000" per le migliaia

Il numero indicato dalla lancetta deve essere moltiplicato per tale numero e una volta moltiplicati tutti i numeri vengono sommati i prodotti, ottenendo così il consumo in metri cubi.

Contatori a lettura diretta[modifica | modifica wikitesto]

È il tipo più recente di contatore ed è il più diffuso. In questo tipo è scritto il consumo d'acqua in metri cubi su un quadrante meccanico o digitale. Anche in questo caso i numeri o lancette di colore rosso non sono da considerare.

Contatori di ripartizione[modifica | modifica wikitesto]

Esistono anche i contatori di ripartizione, i quali vengono installati in accompagnamento al contatore generale per calcolare i consumi di acqua di ogni condomino, evitando così litigi. Dal 1996 l'installazione di questi contatori è obbligatoria.[1]

Contatore dell'acqua calda[modifica | modifica wikitesto]

Il contatore dell'acqua calda si caratterizza per il colore rosso anziché blu e per la resistenza alle temperature alte. Viene utilizzato nei condomini con riscaldamento dell'acqua centralizzato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Contatore acqua nel condominio - Lavorincasa.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]