Consultazione popolare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le consultazioni popolari sono nel diritto costituzionale le decisioni del popolo nella veste di elettore e nella veste di legislatore, assunte per mezzo degli istituti costituzionali di partecipazione popolare e nell'esercizio delle forme di democrazia diretta. In quanto tali, le consultazioni elettorali sono normali parentesi rispetto alla democrazia rappresentativa, ed in generale hanno luogo negli stati dotati di costituzioni fondate sul riconoscimento della sovranità popolare.

Consultazioni elettorali moderne[modifica | modifica sorgente]

Consultazioni elettorali antiche[modifica | modifica sorgente]

Nelle istituzioni di diritto e storia antica non è dato distinguere, come oggi avviene, tra la fase del popolo elettore e la fase del popolo legislatore.

  • La bulé (βουλή) dell'antica Grecia: assemblea del popolo delle poleis, che approvava le leggi ed eleggeva i magistrati.
  • I Comitia: assemblee popolari dell'epoca romana che erano sede unitaria sia per l'electio dei magistrati che per l'approvazione delle leggi.
  • Volksbefragung: il referendum non vincolante di tradizione germanica nel territorio del baliato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]