Consulente automobilistico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Consulente Automobilistico è colui che esercita l'attività professionale rivolta alla consulenza e all'esecuzione delle formalità burocratiche di pertinenza dei mezzi di trasporto.

Tale attività esercitata in Italia sin dal 1947, è stata definitivamente regolata dalla Legge dello Stato Italiano n. 264 del 1991[1]. Ad oggi in Italia si contano circa 5.000 imprese, dirette in maniera effettiva, dal consulente automobilistico.

L'attività principale viene spesso coadiuvata ad altre attività secondarie quali: autoscuola, assicurazioni, infortunistica stradale ecc. L'accesso alla professione avviene mediante un esame consistente in un quiz a risposta multipla e viene organizzato dalle province generalmente con cadenza annuale. Requisito base è il diploma di scuola media superiore.

A seguito dell'esame si può subentrare ad una licenza già esistente o partecipare ai bandi organizzati dalle provincie, solitamente con cadenza biennale e comunque in base all'aumentare del tasso di motorizzazione di una determinata provincia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il testo della Legge 264

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti