Consonante apicale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I luoghi di articolazione: A glottide - B faringe - C velo del palato - D palato molle - E palato duro - F alveoli - G denti - H labbra

In fonetica articolatoria, una consonante apicale è un fono (suono del discorso) prodotto ostruendo il passaggio dell'aria con l'apice della lingua (cioè la punta della lingua). Questo suono si oppone alle consonanti laminari, che sono prodotte creando un'ostruzione con la lama della lingua (che si trova appena dietro all'apice).

Non si tratta di una distinzione molto comune, e tipicamente si applica solamente alle fricative e alle affricate. Pertanto molte varietà della lingua inglese hanno coppie apicali o laminali di [t]/[d]. Tuttavia, alcune varietà di arabo, compreso l'arabo hadhrami, realizzano [t] come laminale ma [d] come apicale.

La lingua basca utilizza questa distinzione per le fricative alveolari, come il serbo-croata. Il cinese mandarino la usa per le fricative postalveolari (la serie "alveolo-palatale" e "retroflessa"). Lo st'at'imcets la utilizza come seconda caratteristica nell'opposizione tra affricate velarizzate e non velarizzate. Una distinzione tra apicali e laminari è comune nelle lingue australiane aborigene per le nasali, le occlusive e di solito anche per le approssimanti laterali.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Peter Ladefoged, Ian Maddieson, The Sounds of the World's Languages, Oxford: Blackwell, 1996. ISBN 0-631-19814-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Linguistica