Conservazionismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il conservazionismo è l'ideologia che auspica la conservazione e il mantenimento dell'ecosistema.[1] I conservazionisti promuovono la protezione di tutte le specie animali e vegetali tipiche di un ecosistema, e della natura in generale, aspirando quindi alla preservazione della biodiversità. Secondo alcuni il conservazionismo è parte della visione ambientalista in quanto propone la realizzazione di una società che faccia un uso rispettoso e non indiscriminato delle risorse e dell'ambiente da cui trae sostentamento, mentre altri ritengono che si distingua dall'ambientalismo sia per ideologia sia per modo d'agire. Per esempio, negli Stati Uniti il conservazionismo si differenzia dall'ambientalismo perché si pone l'obbiettivo di preservare le risorse naturali (opponendosi allo sfruttamento intensivo) senza però modificare il rapporto tra esse e l'uomo.[2] In altre parti del mondo il termine è usato in modo più ampio per indicare la protezione della natura selvaggia sia per il suo valore inerente sia per qualunque altra utilità che possa avere per l'uomo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Definizione di conservazionismo. URL consultato il 15 agosto 2011.
  2. ^ John C.Gifford, Living by the Land, Coral Gables, Glade House, 1945, p. 8, ASIN B0006EUXGQ.
Ecologia e ambiente Portale Ecologia e ambiente: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ecologia e ambiente