Conopophagidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Conopophagidae
Conopophaga lineata -Parque Estadual Turistico da Cantareira, Sao Paulo, Brasil-8 (1).jpg
Conopophaga lineata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Tyranni
Infraordine Furnariides
Famiglia Conopophagidae
P.L.Sclater & Salvin, 1873
Generi

I Conopofagidi (Conopophagidae P.L.Sclater & Salvin, 1873) sono una famiglia di uccelli passeriformi diffusi in America Centrale e Sud America.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Sono uccelli passeriformi di piccola taglia, di corporatura tozza, con coda corta, ali corte e arrotondate e un becco appiattito e uncinato; in molte specie è presente un caratteristico ciuffo retrooculare bianco.[2]

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Sono uccelli che vivono negli strati più bassi della foresta pluviale, usando frequentemente come posatoio i fusti bassi e spioventi delle Araceae o delle Heliconiaceae.[3]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Hanno una dieta prevalentemente insettivora: dai loro posatoi tengono sotto osservazione sia la vegetazione soprastante che la lettiera della foresta e con rapidi e precisi balzi catturano le loro prede, sia sul terreno che sui rami e i tronchi degli alberi. Occasionalmente possono nutrirsi anche di piccole bacche.[3][4]

Una importante risorsa per alcune specie di conopofagidi è costituita dagli sciami delle formiche legionarie (Ecitoninae). Queste formiche formano colonie di diverse centinaia di migliaia di esemplari adulti, che nelle loro migrazioni di massa predano ogni piccolo invertebrato che incontrino sul loro cammino; il loro passaggio causa un fuggi-fuggi di ogni genere di artropodi, di cui approfittano gli uccelli.[5][6][7]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

La famiglia ha un areale neotropicale.[2] In particolare le specie del genere Conopophaga sono diffuse in Amazzonia e nel bacino dell'Orinoco, sulle pendici delle Ande, e nella foresta atlantica brasiliana, mentre il genere Pittasoma è diffuso nella ecoregione delle foreste umide del Chocó-Darien, che si estende dalla parte meridionale dell'istmo centroamericano (Costa Rica e Panama), sino alla costa pacífica dell'est della Colombia, del nord-est dell'Ecuador e dell'estremo nord-est del Perú.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Il Congresso Ornitologico Internazionale (gennaio 2014) attribuisce alla famiglia Conopophagidae 2 generi e 11 specie:[1]

Il genere Pittasoma in passato era incluso tra i Formicariidi ma recenti studi filogenetici ne hanno motivato lo spostamento tra i Conofagidi.[8][9]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Conopophagidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 6 maggio 2014.
  2. ^ a b Gnateaters (Conopophagidae) in The Internet Bird Collection. URL consultato il 4 aprile 2014.
  3. ^ a b Hilty S.L., Notes on a nest and behavior of the Chestnut-crowned Gnateater in Condor, vol. 77, 1975, pp. 513-514.
  4. ^ Alves M.A.S. & Duarte M.F., Téticas de forrageamento do Conopophaga melanops (Passeriformes: Formicariidae) na area de Mata Atlantica da Ilha Grande, Estado do Rio de Janeiro in Ararajuba, vol. 4, nº 2, pp. 110-112.
  5. ^ Roberts D.L., Cooper R.J. & Petit L.J, Flock characteristics of ant-following birds in premontane moist forest and coffee agroecosystems in western Panama in Ecological Applications 2000; 10: 1414-1425.
  6. ^ Willis E and Oniki Y, Birds and Army Ants in Annual Review of Ecology and Systematics, vol. 9, 1978, pp. 243–263.
  7. ^ Birds and army ants in a fragment of the Atlantic Forest of Brazil in Journal of Field Ornithology, vol. 80, nº 4, 2009, pp. 328–335.
  8. ^ Rice N.H., Further Evidence for Paraphyly of the Formicariidae (Passeriformes) in Condor, vol. 107, nº 4, 2005, pp. 910-915.
  9. ^ Moyle R.G., Chesser R.T., Brumfield R.T., Tello J.G., Marchese D.J. and Cracraft J., Phylogeny and phylogenetic classification of the antbirds, ovenbirds, woodcreepers, and allies (Aves: Passeriformes: infraorder Furnariides) in Cladistics, vol. 25, nº 4, 2009, pp. 386-405.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]