Connla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Connla e la fata vergine, illustrazione del 1927.

Nella mitologia irlandese, Connla o Conlaoch era un figlio di Aífe e Cuchulainn. Fu cresciuto dalla madre in Scozia. Aife, gelosa e arrabbiata per il matrimonio di Cuchulainn con Emer, mandò Conlaoch in Irlanda con tre ordini:

  • non sarebbe mai dovuto ritornare;
  • non avrebbe mai dovuto rifiutare una sfida;
  • non avrebbe mai dovuto rivelare il suo nome.

Durante il suo viaggio, Conlaoch andò a Dundealgan, dimora di Cuchulainn e si incontrò con Conall, guerriero di Cuchulainn, che gli chiese il suo nome e lignaggio. Avendo rifiutato di rispondere, Connla fu sfidato a duello. Conlaoch disarmò Conall, umiliandolo. Allora Cuchulainn si avvicinò a Conlaoch, ponendogli di nuovo le stesse domande. Ma Conlaoch non rispose e allora Cuchulainn lo sfidò.

Alla fine Cuchulainn colpì a morte Conlaoch, che mentre spirava rivelò la sua identità. Cuchulainn fu quindi sopraffatto dal dolore e dalla furia guerriera, colpendo tutti coloro che erano con lui.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Squire, Charles. "Celtic Myth and Legend." Newcastle Publishing Co., USA, 1975. Reprinted from the first edition in 1905, Great Britain. ISBN 0-87877-029-1.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia celtica Portale Mitologia celtica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Mitologia celtica