Conglomerato mediatico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un conglomerato mediatico (inglese: media conglomerate) è un oligopolista maggiore del mercato dei mass media, nei settori prevalenti e congiunti di televisione, pubblicità e produzione cinematografica, nato dalla concentrazione economica in un'unica azienda di due o più oligopolisti minori o di una quantità di aziende che prima erano in concorrenza privata.

Negli Stati Uniti una ventina di aziende conglomeranti dal dopoguerra hanno sviluppato la "concorrenza tra oligopolisti" garantendo un livello standard di pluralismo dell'informazione. Tuttavia alcuni casi di acquisizioni dopo il 2000 hanno messo in discussioni l'ipotesi che l'equilibrio fra oligopolisti possa essere deteriorato da eccessivi incrementi di quote di mercato da parte dei due top conglomeranti: Time Warner e gruppo Murdoch. In Italia televisione, pubblicità e produzione cinematografica hanno dato luogo ad un fenomeno di conglomerazione mediatica ristretta, a causa del tripolio dell'azienda pubblica Rai con altri due soggetti, che sono le televisioni private Mediaset, fondata da Silvio Berlusconi e Sky Italia fondata da Rupert Murdoch. Queste ultime sono i due casi di conglomerati mediatici operanti in Italia.