Conflitto libanese del 2007

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il conflitto libanese del 2007 è stato una serie di scontri armati sul suolo libanese, iniziato con gli scontri tra Fath al-Islam, una organizzazione terroristica islamica e le Forze Armate Libanesi (LAF - Lebanese Armed Forces) il 20 maggio 2007 nel campo profughi di Nahr al-Bared, vicino Tripoli. I combattimenti di Nahr el-Bared si propagano a Ain al-Hilweh, un altro campo di rifugiati collocato nel sud del Libano; in concomitanza altri attacchi terroristici dinamitardi vengono effettuati anche nei dintorni di Beirut, coinvolgendo anche personale delle Nazioni Unite, proseguendo fino all'inizio di settembre; il 7 settembre le forze armate libanesi dichiararono la cessazione delle ostilità con la repressione della minaccia.

Secondo un bilancio 446 persone (tra i quali 168 soldati e 226 militanti) sono morti durante l'assedio durato in totale 105 giorni, con l'uso di artiglieria ed elicotteri da parte delle forze di sicurezza libanesi. Inoltre da 400 a 500 soldati sono rimasti feriti e più di 215 militanti sono stati catturati. Vittime di attentati terroristici anche 12 civili libanesi e 6 soldati delle Nazioni Unite. Durante i combattimenti nel campo profughi e a Tripoli 54 civili sono rimasti uccisi, di cui 47 palestinesi. Tra i palestinesi ospiti dei campi, 31.000 si sono rifugiati in altri campi del paese.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Libano Portale Libano: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Libano