Conduttore del carro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la professione di chi conduce un carro, vedi Cocchiere.
Conduttore del carro
Le avventure di Pinocchio-pag219.jpg
Universo Pinocchio
Lingua orig. Italiano
Autore Carlo Collodi
Sesso Maschio

Il conduttore del carro, chiamato anche L'omino, è un personaggio immaginario del libro Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino di Carlo Collodi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È il conduttore del carro che porta al Paese dei Balocchi. Riesce a convincere Pinocchio e Lucignolo ad andare con lui, per poterli successivamente vendere una volta trasformati in asini. Viene chiamato Omino per via della sua faccia grassoccia e buffa ,ma è un personaggio diabolico ,sadico e perverso che oltre a trasformare i bambini in asini avvolte staccia le loro orecchie a morsi.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel classico Disney Pinocchio, è il secondo antagonista principale dopo Mangiafuoco e prima di Monstro. Si tratta di un cocchiere (chiamato anche Il Postiglione) che appare nell'osteria del Gambero Rosso, con il Gatto e la Volpe, ai quali consiglia di fare raccolta di ragazzi svogliati (che non vogliono andare a scuola), per portarli nel Paese dei Balocchi. Il Gatto e la Volpe gli consegnano Pinocchio che, insieme a Lucignolo, è contento di andare in un posto dove non si studia mai. Ma il cocchiere ha un piano malvagio: una volta che i ragazzi si saranno trasformati in ciuchini, vuole venderli per guadagnare molto denaro. È doppiato da Charles Judels nella versione originale e da Cesare Polacco in quella in italiano
  • Nell'adattamento del 1972 Un burattino di nome Pinocchio di Giuliano Cenci, il Cocchiere, doppiato da Gianni Bonagura, è raffigurato in maniera più simile al libro rispetto alla versione disneyana. Come nel libro, egli lavora da solo, ed è rappresentato come un personaggio effeminato e seducente con la voce acuta, che riesce facilmente a convincere Pinocchio e Lucignolo ad andare con lui nel Paese dei Balocchi. In ogni caso, non è violento come nel libro.