Conduttanza elettrica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La conduttanza è l'espressione quantitativa dell'attitudine di un conduttore ad essere percorso da corrente elettrica . La conduttanza viene solitamente indicata con la lettera G. La sua unità di misura nel sistema internazionale è il siemens.

La conduttanza riferita ad una unità standard di conduttore è definita conducibilità elettrica specifica o conduttività elettrica.

Legami con le altre grandezze[modifica | modifica wikitesto]

In circuiti puramente resistivi, la conduttanza è legata alla resistenza elettrica dalla formula:

G = \frac{1}{R} = \frac{I}{\Delta V} = \sigma \frac S l

in cui:

Perciò le conduttanze si sommano in parallelo e si rapportano in serie analogamente alla capacità elettrica e in modo opposto alla resistenza.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Circuiti in serie e in parallelo.

In circuiti con impedenza complessa, la conduttanza è legata alla suscettanza e all'ammettenza dall'equazione:

\bar {Y} = G + j B

in cui:

La conduttanza è quindi la parte reale dell'ammettenza; è uguale a zero per i bipoli dinamici (condensatori e induttori), mentre è diversa da zero nel caso dei resistori.

Fu scoperta dal fisico inglese Stephen Gray nel 1729.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica