Condensazione capillare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La condensazione capillare consiste nel fenomeno di transizione gas-liquido in pori di dimensioni ridotte (detti "mesopori"), ad esempio all'interno di materiali porosi, che si svolge in condizioni di pressione minori della pressione di vapore del liquido considerato.[1]

Tale fenomeno fu messo in evidenza per la prima volta nel 1911 dal chimico austriaco Richard Adolf Zsigmondy.[2]

Equazione di Kelvin-Wheler[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Equazione di Kelvin.

Al diminuire della dimensione dei pori, diminuisce la pressione alla quale si ha la condensazione, secondo la seguente equazione, detta equazione di Kelvin-Wheler:[3][4]

\ln {\left( \frac{p}{p_0} \right)} = \frac{RT \, r_p}{2 \sigma V \cos{\theta}}

in cui:

La condensazione capillare nel calcestruzzo[modifica | modifica wikitesto]

Il fenomeno della condensazione capillare fa sì che si formi del liquido all'interno dei pori del calcestruzzo (che è un materiale particolarmente poroso) anche quando l'umidità relativa è minore del 100%.

La condensazione capillare nel processo di adsorbimento[modifica | modifica wikitesto]

Nei processi di adsorbimento e desorbimento che seguono le isoterme di adsorbimento di tipo IV e V si presenta isteresi a causa del fenomeno di condensazione capillare.[5][6][7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.unibg.it/dati/corsi/8421/6556-Cap-5%20Rev%202002.pdf
  2. ^ Fraissard, op. cit., p. 7
  3. ^ http://www.enco-journal.com/editoria/vulnerabile/sfoglia.pdf
  4. ^ The Kelvin equation and the capillary condensation of water
  5. ^ http://www.antonio.licciulli.unile.it/didattica_2005/vuoto_e_pieno.pdf
  6. ^ http://www.fedoa.unina.it/1501/1/Gargiulo_Ingegneria_Chimica_Materiali_Produzione.pdf
  7. ^ u n i t o . i t - Risorsa non disponibile

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]