Concilio di Tours (567)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il concilio tenutosi nel 567 fu il secondo sinodo della Chiesa cattolica che ebbe sede nella città di Tours (per gli altri eventi, si veda concili di Tours).

Decretò che ogni chierico trovato a letto con sua moglie sarebbe stato scomunicato per un anno e ridotto allo stato laicale[1], e che due monaci non potevano dormire nello stesso letto.

L'ultimo a sottoscrivere il canone fu Mansueto, episcopus Brittanorum ("vescovo dei Britanni", ovvero dei Bretoni d'Armorica)[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Testo in inglese della norma contenuta nel canone
  2. ^ He subscribed last of the eight bishops, suggesting either that he had been recently ordained or that he was considered junior to the bishops of cities. ("Egli sottoscrisse ultimo di otto vescovi, il che suggerisce anche che era stato ordinato poco prima, oppure che era considerato il più giovane dei vescovi delle città"). Ralph W. Mathisen, Barbarian Bishops and the Churches in Barbaricis Gentibus During Late Antiquity, "Speculum" 72, n. 3 (luglio 1997, pp. 664-697), p. 667, nota 21.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]