Concerto per pianoforte e orchestra n. 23 (Mozart)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Concerto per pianoforte e orchestra n. 23
K488 beginning.png

Inizio del concerto
Compositore Wolfgang Amadeus Mozart
Tonalità La maggiore
Tipo di composizione Concerto
Numero d'opera Catalogo Köchel: K 488
Epoca di composizione Terminato a Vienna il 2 marzo 1786
Prima esecuzione Vienna, marzo 1786, dallo stesso Mozart, in qualità sia di pianista che di direttore d'orchestra
Pubblicazione André, Offenbach 1800
Autografo Bibliothèque nationale de France, Parigi

Del concerto ci sono rimaste le cadenze originali di Mozart per il primo e terzo movimento

Durata media 29 minuti
Organico

pianoforte (solo), flauto, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni, archi

Movimenti
  • Allegro (4/4, La maggiore)
  • Adagio (6/8, Fa diesis minore)
  • Allegro assai (2/2, La maggiore)

Il concerto per pianoforte e orchestra n. 23 in La maggiore K 488 di Wolfgang Amadeus Mozart fu composto per le Accademie Viennesi della Quaresima del 1786, assieme al Concerto n. 24 in Do minore K 491.

Tra i concerti di Mozart, questo è il più amato e contende al K 466 la palma del più eseguito. A differenza dei concerti precedenti, si contraddistingue per il carattere più contenuto, sia dal punto di vista dell'espressione virtuosistica (molto meno spinta rispetto ai concerti precedenti), che da quello della ricchezza strumentale: l'organico, infatti, si limita solamente agli archi, flauti, clarinetti, fagotti e corni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Minardi, Gian Paolo. I Concerti per pianoforte e orchestra di Mozart, Pordenone, Studio Tesi, 1990 ISBN 88-7692-245-8
  • Rattalino, Piero. Il concerto per pianoforte e orchestra, Firenze, Giunti Ricordi, 1988 ISBN 88-09-20117-5
musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica