Concerto grosso fatto per la notte di Natale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Concerto Grosso fatto per la notte di Natale in sol minore è l'ottavo dei dodici concerti grossi composti da Arcangelo Corelli e pubblicati postumi, nel 1714, come op. 6. Lo stile è quello dei concerti grossi da chiesa (i primi otto della raccolta) ed è strutturato in sei movimenti, concludendosi nell'ultimo movimento con la caratteristica pastorale ad libitum. L'organico è quello tipico dei concerti grossi corelliani, con un concertino formato da due violini e violoncello e un ripieno a quattro parti (due violini, viola e basso continuo).

I temi fondamentali sono quelli barocchi come "stupire e commuovere" ed è il punto di congiunzione tra prima pratica polifonica e seconda pratica monodica[non chiaro]. Questo concerto, e in genere tutta la produzione di Corelli, influenzerà tutta la musica europea del Settecento e soprattutto Antonio Vivaldi e Georg Friedrich Händel che a loro volta saranno punti di riferimento per tutti i compositori classici e per le scuole italiane, francesi e tedesche a seguire.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica