Concerti per organo e orchestra op. 7

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Georg Friedrich Händel.
« Si può dire che Händel, nello specifico, non sia facilmente superato da nessuno nella sua bravura all'organo, se non forse da Bach di Lipsia. »
(Johann Mattheson, Der vollkommene Capellmeister, 1739)

Con l'espressione concerti per organo e orchestra op. 7 HWV 306-311 ci si riferisce a una raccolta di sei composizioni di Georg Friedrich Händel, scritte a Londra fra il 1740 e il 1751 e pubblicate postume nel 1761 dall'editore John Walsh. I concerti vennero composti come interludio durante la rappresentazione degli oratori.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

I sei concerti per organo e orchestra vennero pubblicati da John Walsh nel 1761, dopo la morte di Händel, come opus 7 del defunto compositore. Scritti per rendere piacevole l'attesa durante gli intervalli degli oratori, Händel utilizzò l'organo, strumento fino ad allora relegato al mero servizio liturgico, per fargli assumere un carattere nuovo, più mondano e brillante. A differenza dei concerti per organo dell'opus 4, composti probabilmente per essere eseguiti su organi di piccole dimensioni, alcuni concerti dell'opus 7 necessitano di strumenti più grandi.

« Un tocco fine e delicato, dita volanti e una brillante esecuzione dei passaggi più difficili: queste sono le lodi comunemente riconosciute ai buoni musicisti. Non sono state notate in Händel, le cui eccellenze erano di un genere di gran lunga superiore. La sua sorprendente padronanza dello strumento, la pienezza della sua armonia, la grandezza e la dignità del suo stile, la copiosità della sua immaginazione e la fertilità della sua invenzione sono state le qualità che hanno fatto dimenticare ogni musicista inferiore a lui. Quando eseguiva un concerto per organo, normalmente il suo metodo (di Händel) era quello di cominciare coi principali suonando un movimento in stile di voluntary che soggiogava l'orecchio col suo incedere lento e solenne. Grande cura aveva dell'armonia, che era espressa nella maggior pienezza possibile. I passaggi erano concatenati con arte stupenda, sì da conferire al tutto una perfetta intelligibilità, ma dando nello stesso tempo un'impressione di grande semplicità. A questo tipo di preludio seguiva il concerto vero e proprio, eseguito con uno spirito e con una sicurezza che nessuno ha mai provato a eguagliare[1]»
HWV Numero Tonalità Data di composizione Prima esecuzione Luogo Anno di pubblicazione Movimenti Note
306 Op. 7 num. 1 Si bemolle maggiore 17 febbraio 1740 27 febbraio 1740 Lincoln's Inn Fields Theatre, Londra 1761 Andante - Andante - Largo, e piano - Bourrée Il primo movimento include una parte indipendente per la pedaliera.
307 Op. 7 num. 2 La maggiore 5 febbraio 1743 18 febbraio 1743 Royal Opera House, Londra 1761 Ouverture - A tempo ordinario - Organo ad libitum - Allegro Eseguito per la prima volta come interludio dell'oratorio Sansone HWV 57.
308 Op. 7 num. 3 Si bemolle maggiore 1º-4 gennaio 1751 1º marzo 1751 Royal Opera House, Londra 1761 Allegro - Organo (adagio e fuga) ad libitum - Spiritoso - Minuetto - Minuetto Esistono due versioni autografe del primo movimento. Si tratta dell'ultimo lavoro orchestrale di Händel.
309 Op. 7 num. 4 Re minore Forse 1744 Forse 14 febbraio 1746 ? 1761 Adagio - Allegro - Organo ad libitum - Allegro Forse eseguito per la prima volta come interludio dell'oratorio The Occasional Oratorio HWV 62.
310 Op. 7 num. 5 Sol minore 31 gennaio 1750 16 marzo 1750 Royal Opera House, Londra 1761 Allegro ma non troppo, e staccato - Andante larghetto, e staccato - Gavotta Eseguito per la prima volta come interludio dell'oratorio Theodora HWV 68. La gavotta finale venne probabilmente aggiunta da John Christopher Smith.
311 Op. 7 num. 6 Si bemolle maggiore Forse 1748-1749 1749 ? 1761 Pomposo - Organo ad libitum - A tempo ordinario Assemblato nella forma che conosciamo oggi da John Christopher Smith dopo la morte di Händel per la pubblicazione di Walsh.

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

HWV 306[modifica | modifica wikitesto]

Primo e secondo movimento del concerto HWV 306.
Terzo movimento del concerto HWV 306.

La prima esecuzione avvenne su un organo a due manuali presso il Lincoln's Inn Fields Theatre di Londra. Questo concerto è l'unico della serie con una parte autonoma per la pedaliera. Si tratta di una composizione più grande e maestosa rispetto ai concerti d'organo dell'opus 4, composti probabilmente per essere eseguiti su organi di piccole dimensioni.

Il primo e il secondo movimento formano insieme una ciaccona, dove l'organo esegue una serie di variazioni. C'è un basso ispirato a quello della ciaccona anche nel successivo movimento, il largo, che viene seguito da una brillante bourrée. Il primo movimento, inoltre, contiene un arrangiamento della celeberrima passacaglia tratta dalla suite per clavicembalo HWV 432.

HWV 307[modifica | modifica wikitesto]

Più lirico e più piccolo rispetto al precedente, questo concerto consta del terzo movimento non scritto, ma da improvvisare sul momento. Il quarto movimento è basato su La Coquette, tratta dalla sesta suite dei Componimenti musicali di Gottlieb Muffat.

HWV 308[modifica | modifica wikitesto]

Composizione di grandi dimensioni, il primo movimento di questo concerto è basato sul celeberrimo Halleluja tratto dall'oratorio Messiah. Il secondo movimento, adagio e fuga, non è scritto, ma è da improvvisare sul momento.

HWV 309[modifica | modifica wikitesto]

Il concerto inizia con un adagio ricco di passaggi alternati fra violoncello, fagotto e organo. Il secondo movimento è preso in prestito dalla Tafelmusik di Georg Philipp Telemann, mentre l'ultimo movimento deriva dal proprio concerto op. 3 num. 6. Il terzo movimento non è scritto, ma è da improvvisare sul momento.

HWV 310[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo movimento, vigorosi passaggi del tutti all'unisono si alternano con complessi passaggi cromatici per l'organo solista. Un adagio da improvvisare porta al successivo larghetto, con una seria di variazioni sopra un basso ostinato. Concludono la composizione un minuetto e una gavotta, quest'ultima aggiunta da John Christopher Smith. Il primo movimento contiene materiale tematico derivante dalla triosonata op. 2 num. 1 e num. 8. La gavotta è un arrangiamento dal concerto per organo e orchestra op. 4 num. 3.

HWV 311[modifica | modifica wikitesto]

Questo concerto, con richiami vivaldiani nello stile, consta di tre movimenti, con il secondo non scritto, ma da improvvisare sul momento. Il terzo movimento contiene una sezione da improvvisare.

Parti da improvvisare[modifica | modifica wikitesto]

Benché una versione completa dei concerti per organo e orchestra op. 4 venne pubblicata nel 1738, molti dei concerti della postuma op. 7 includono movimenti mancanti, che l'esecutore, dando prova di notevole maestria, deve improvvisare sul momento. Nel caso del concerto HWV 306, Händel incluse un arrangiamento della famosa passacaglia tratta dalla suite per clavicembalo HWV 432. Lo spartito del concerto per organo indica che la passacaglia debba essere in gran parte eseguita, ma a un certo punto appare l'annotazione ad libitum (latino: a piacere), lasciando all'esecutore la possibilità di continuarla o meno[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John Hawkins, General History of the Science and Practice of Music, 1776.
  2. ^ Composizioni händeliane, concerti per organo

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica