Comunità dei Paesi di lingua portoghese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Comunità dei Paesi di lingua portoghese
Comunidade dos Países de Língua Portuguesa
CPLPmap.png
Paesi membri
Osservatori
Paesi candidati come osservatori
Lingua ufficiale portoghese
Sede istituzionale Lisbona
Segretario esecutivo Domingos Simões Pereira (Guinea-Bissau)
(fino al luglio 2012)
Superficie 10 940 712 km² (2ª nel mondo*)
Fusi orari Da UTC-4 a UTC+9
Prefisso telefonico Ogni paese membro ha il proprio.
Fondazione

Lisbona, 1996
Sito web www.cplp.org
* se considerata come un unico paese

La Comunità dei Paesi di lingua portoghese (portoghese: Comunidade dos Países de Língua Portuguesa o CPLP) è un'unione per la mutua amicizia fra le nazioni lusofone del mondo, nelle quali il portoghese è lingua ufficiale.

Formazione e Stati membri[modifica | modifica sorgente]

La CPLP venne formata nel 1996 a Lisbona da sette paesi: Angola, Brasile, Capo Verde, Guinea-Bissau, Mozambico, Portogallo e São Tomé e Príncipe. Timor Est si è unito alla comunità nel 2002 in seguito al raggiungimento dell'indipendenza da parte dell'Indonesia.

Tutti i membri facevano parte dell'Impero portoghese, tranne Mauritius e la Guinea Equatoriale. In Guinea Equatoriale, dove le lingue ufficiali sono lo spagnolo e il francese, viene parlato da circa 2.000 persone l'Annobonese, un creolo a base portoghese. Alle Mauritius, la popolazione oltre al francese e all'inglese parla il creolo mauriziano, fondamentalmente a base francese ma con alcune influenze portoghesi.

La CPLP è un'organizzazione ancora sotto processo di costruzione. Nonostante le grandi distanze che dividono i paesi membri della CPLP essi non condividono solo una lingua comune ma anche profonde caratteristiche culturali. Ciò è dimostrato dalla forte integrazione e interscambio tra questi popoli che continuano a migrare tra i diversi territori riportando e radicando le tradizioni e usi. La CLP forma un ponte fra nazioni accomunate storicamente dall'antica appartenenza all'Impero portoghese.

Membri
Osservatori
Membri associati

L'importanza della CPLP[modifica | modifica sorgente]

Le nazioni nelle quali si parla portoghese contano oltre 223 milioni di abitanti, ed occupano un territorio di circa 10.742.000 km2 superiore alla superficie del Canada.

Sin dalla sua formazione, la CPLP ha promosso la cooperazione tra i suoi stati membri: a São Tomé e Príncipe e in Guinea-Bissau, in seguito a colpi di stato, la CPLP ha aiutato questi paesi a risolvere i loro problemi, attuando riforme economiche (nel caso di São Tomé) e democratiche (in Guinea-Bissau).[senza fonte]

I leader della CPLP ritengono che la pace in Angola ed in Mozambico, come l'indipendenza di Timor Est favoriranno il prossimo sviluppo della CPLP e rafforzeranno la cooperazione multilaterale.[senza fonte]

Il Sistema della CPLP[modifica | modifica sorgente]

La segreteria esecutiva dell'Organizzazione è responsabile nel designare ed attuare i progetti e le iniziative della CPLP. Essa ha la sua sede a Lisbona, Portogallo. La segreteria esecutiva ha un mandato di due anni, e può essere rieletta solo una volta.

Le linee guida e le priorità della CPLP sono stabilite biannualmente dalla Conferenza dei capi di Stato ed il piano di azione dell'Organizzazione è approvato dal Consiglio dei ministri degli Esteri, che si incontrano ogni anno.

Ci sono anche degli incontri mensili del Comitato permanente di vigilanza che segue le iniziative ed i progetti.

La CPLP è finanziata principalmente dai suoi otto stati membri.

La bandiera della CPLP ha ora otto ali, e non più sette.

Segretari esecutivi[modifica | modifica sorgente]

Nome Inizio mandato Termine mandato Nazione
Marcolino Moco 17 luglio 1996 luglio 2000 Angola Angola
Dulce Maria Pereira luglio 2000 1º agosto 2002 Brasile Brasile
João Augusto de Médicis 1º agosto 2002 aprile 2004 Brasile Brasile
Zeferino Martins (Interim) aprile 2004 luglio 2004 Mozambico Mozambico
Luís de Matos Monteiro da Fonseca luglio 2004 luglio 2008 Capo Verde Capo Verde
Domingos Simões Pereira luglio 2008 20 luglio 2012 Guinea-Bissau Guinea-Bissau
Murade Isaac Miguigy Murargy 20 luglio 2012 Oggi Mozambico Mozambico

Congressi[modifica | modifica sorgente]

Congresso Paese Città Anno
I Congresso Portogallo Portogallo Lisbona 1996
II Congresso Capo Verde Capo Verde Praia 1998
III Congresso Mozambico Mozambico Maputo 2000
IV Congresso Brasile Brasile Brasilia 2002
V Congresso São Tomé e Príncipe São Tomé e Príncipe São Tomé 2004
VI Congresso Guinea-Bissau Guinea-Bissau Bissau 2006
VII Congresso Portogallo Portogallo Lisbona 2008
VIII Congresso Angola Angola Luanda 2010
IX Congresso Mozambico Mozambico Maputo 2012

Maggiori iniziative[modifica | modifica sorgente]

José Ramos-Horta rappresentante per il CPLP per il processo elettorale in Guinea Bissau

Libero Movimento di Persone[modifica | modifica sorgente]

Le otto nazioni parlanti portoghese hanno siglato accordi per facilitare la circolazione oltreconfine dei loro cittadini. Fra queste facilitazioni sono inclusi visti di entrata multipla per affaristi ed altri che viaggiano spesso, restringimento delle tasse pagate per periodi di visita breve, ed il diritto alla terapia medica ed al permesso di residenza per tutti i cittadini della CPLP in ognuno degli stati membri.

Inoltre, la proposta per l'adozione di una cittadinanza comune è fallita a causa dell'opposizione dell'Angola e del Mozambico. Lo statuto, che è già in atto fra Brasile e Portogallo, concederebbe eguali diritti civili e politici per i cittadini di ogni nazione della CPLP.

Altre nazioni e territori[modifica | modifica sorgente]

Alcuni galiziani vorrebbero che la regione autonoma di Galizia (Galiza) in Spagna prendesse parte all'unione, poiché la loro lingua, il galiziano (Galego), è strettamente relazionata al portoghese (infatti molti le considerano una il dialetto dell'altra). Le due lingue infatti hanno una comune origine.

Quando la CPLP venne formata, anche la Guinea Equatoriale chiese lo status di osservatore. Essa ha infatti alcuni territori nei quali si parla creolo portoghese e nei quali sono molto sentite le vicinanze culturali con São Tomé e Príncipe e col Portogallo. Inoltre, il paese ha recentemente cooperato con alcuni stati africani parlanti portoghese e col Brasile ad un programma educativo. Al summit della CPLP del luglio 2004, a São Tomé e Príncipe, gli stati membri si sono accordati per cambiare gli statuti della Comunità ed accettare la Guinea Equatoriale nel ruolo di osservatore. Anche il Marocco e Macao si sono interessati allo status di osservatore.

L'Instituto Internacional de Macau, a Macao, territorio cinese che ha mantenuto il portoghese come lingua coufficiale accanto al mandarino, ha anch'esso lo status di osservatore nella comunità. Le sue intenzioni sarebbero quelle di introdurre i giovani Macaensi alle nazioni ed alla cultura della CPLP, in modo da assicurarsi un'identità territoriale che si distingua da quella cinese, di cui Macao fa parte.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Già colonia portoghese fino al 1999. Dal 1996 al 1999 è stato quindi membro con il Portogallo. Dal 1999 è "membro associato".

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]