Compliance (medicina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La compliance (termine inglese di uso internazionale; in italiano a volte reso come acquiescenza) è l'adesione del paziente, dopo accurata consulenza del medico, ad una terapia, in genere farmacologica o igienica.

Dettagli[modifica | modifica wikitesto]

Si definisce compliante alla terapia quel paziente che completa la terapia per almeno l'80%. Una compliance inferiore al 20% si definisce "resistenza".

L'osservanza e l'aderenza ai consigli e prescrizioni mediche è da considerare un elemento essenziale di qualsiasi terapia, che perde di efficacia se non viene effettuata con puntualità e precisione.

Per questo il paziente ha il diritto di essere informato in modo semplice ma preciso, e di ottenere così una conoscenza approfondita dei farmaci da assumere, del loro meccanismo d'azione, delle loro caratteristiche e dei possibili effetti collaterali.

Effetti sulla terapia[modifica | modifica wikitesto]

Una bassa acquiescenza della terapia (casi di interruzione volontaria, assunzioni non complete, irregolarità nell'assunzione, errata conservazione) ne riduce l'efficacia, e può favorire l'insorgenza di complicazioni, o prolungamenti o non remissione della malattia.

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina