Complemento di compagnia o unione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella sintassi della frase semplice, il complemento di compagnia indica la persona con cui ci si trova in una determinata circostanza o con la quale si compie una certa azione.[1] Il complemento di unione, spesso associato al complemento di compagnia, indica la cosa unitamente alla quale ci si trova o con la quale si compie un'azione.[1]

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

  • Cappuccetto Rosso vive con la mamma in una casa ai limiti del bosco. (compagnia)
  • La nonna pranza assieme a Cappuccetto Rosso. (compagnia)
  • Il cacciatore sopraggiunse con un fucile. (unione)
  • Cappuccetto Rosso giunge dalla nonna con un cestino. (unione)

Secondo le grammatiche scolastiche, risponde alle domande Insieme a chi? (compagnia), Insieme a che cosa? (unione). Appartiene alla categoria dei complementi indiretti.[1]

Come si presenta il complemento[modifica | modifica wikitesto]

Il complemento può essere costituito da:

  • un sostantivo preceduto dalla preposizione con o da locuzioni avverbiali come insieme a/con, assieme a, in compagnia di.[1]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Lingua comune, p. 495.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]