Commutazione di codice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La commutazione di codice, conosciuta anche con i termini di code switching e alternanza linguistica, è un termine linguistico che indica il passaggio da una lingua ad un'altra o da un dialetto ad una lingua e viceversa da parte di parlanti che hanno più di una lingua in comune.

La commutazione del codice avviene sempre nell'ambito di uno stesso discorso e può riguardare solo poche frasi o addirittura una singola frase una o addirittura più volte.

Questo fenomeno è presente soprattutto nelle comunità o nelle famiglie bilingui. Per esempio, se i membri di una famiglia sono appena immigrati in un paese in cui si parla una lingua diversa dalla loro lingua madre, nella fase di apprendimento del nuovo codice, alterneranno continuamente le due lingue, anche per mancanza di competenze linguistiche appropriate ad ogni contesto. Ad un certo punto, con l'aumento delle abilità linguistiche la commutazione potrebbe cominciare a diminuire, non essendo più indispensabile a colmare le lacune linguistiche più urgenti per la comunicazione. Se i giovani parlanti insisteranno sulla commutazione di codice, lo faranno per ragioni sociali più che per altri motivi. In questo caso una delle spiegazioni più plausibili sarà senz'altro la ricerca di una identità di gruppo, dato che i parlanti si trovano in ogni caso in minoranza rispetto a tutti gli altri abitanti della zona, oppure per evitare il rischio di perdere la lingua di origine.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]