Commonwealth (aree insulari degli Stati Uniti d'America)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'espressione Commonwealth, usata per aree insulari degli Stati Uniti, indica un territorio organizzato o una colonia che ha instaurato con il Governo federale una relazione più sviluppata, che può essere trasfusa in un accordo scritto. Attualmente due aree insulari godono dello status di commonwealth, le Isole Marianne Settentrionali e Porto Rico. Nel 1976, il Congresso approvò la Convenzione per stabilire il Commonwealth delle Marianne Settentrionali in unione politica con gli Stati Uniti.[1] Nel caso di Porto Rico non c'è stato un accordo scritto in tal senso.

Il Commonwealth delle Filippine mantenne tale status dal 15 novembre 1935 al 4 luglio 1946, quando gli Stati Uniti riconobbero l'indipendenza e la sovranità delle Filippine.

Tra le attuali aree insulari degli Stati Uniti tale termine fu usato per la prima volta per Porto Rico nel 1952. Venne usata la dizione Commonwealth of Puerto Rico, in quanto la traduzione letterale in inglese del nome ufficiale di Porto Rico (Estado Libre Asociado de Puerto Rico) sarebbe "Stato libero associato di Porto Rico", termine non accettabile per il Congresso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Convenzione per le Marianne Settentrionali

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]