Common Language Runtime

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The CLR converts CIL (Common Intermediate Language) to native code.

In informatica, il Common Language Runtime (CLR), è il nome scelto da Microsoft per la macchina virtuale e le librerie standard della piattaforma .NET. Il CLR è l'ambiente di esecuzione del Common Intermediate Language, il linguaggio intermedio in cui i compilatori della piattaforma .NET traducono i linguaggi ad alto livello supportati dalla piattaforma stessa. Al 2005 più di 40 linguaggi sono supportati.

Il Common Language Specification (CLS), in italiano "specifica del linguaggio comune", descrive un sottoinsieme della CLR che i compilatori devono supportare per permettere l'interoperabilità tra i diversi linguaggi di programmazione.

Questo ambiente di esecuzione è principalmente usato sui sistemi operativi Microsoft, ma esistono anche alcune implementazioni, seppur ancora incomplete, per sistemi Unix e Linux: la piattaforma di sviluppo denominata Mono è una implementazione multi-piattaforma del CLS; Portable.NET, parte del progetto DotGNU, è anch'essa un'implementazione del CLR.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Articolo sul Common Language Runtime