Committente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il committente è la figura che commissiona un lavoro, indipendentemente dall'entità o dall'importo. Esso può essere una persona fisica nel caso di un lavoro privato, una persona giuridica nel caso di un lavoro per un'azienda, un ministero nel caso di un lavoro pubblico. In ambito giuridico un committente può essere definito mandante se stipula un contratto detto mandato che vincoli il mandatario, ovvero il ricevente dell'accordo, ad eseguire attività per conto del committente stesso. Questo accade ad esempio quando un'azienda ingaggia un agente di commercio per promuovere i propri prodotti.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Nel caso di appalto di opera pubblica, il committente è il soggetto titolare del potere decisionale e di spesa relativo alla gestione dell'appalto.

Diventa committente, anche per piccoli lavori, chi:

  • ha la necessità di costruire un fabbricato di civile abitazione o a scopo produttivo;
  • possiede un immobile da ristrutturare;
  • amministra un condominio;
  • è incaricato da una amministrazione (nella sua qualità di funzionario) in caso di opera pubblica.
  • commissiona un programma informatico

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

Il committente, prima di poter realizzare l`opera, deve chiedere in comune il titolo abilitativo (ovvero il permesso di costruire). Ottenuto questo, dopo 30 giorni dal permesso può dare la D.I.A. (denuncia inizio attività), e da lì ha 1 anno per iniziare con la costruzione e 3 anni per terminare i lavori.

Esso nomina:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

lavoro Portale Lavoro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lavoro