Commissione alleata di controllo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Commissione alleata di controllo (in inglese Allied Control Council o Allied Control Authority, in tedesco come "Alliierter Kontrollrat"), è stata un'operazione di occupazione militare al fine di prendere il controllo delle Zone di Occupazione Alleate in Europa, in particolare in Germania e in Italia, alla fine della Seconda guerra mondiale; i membri erano gli Stati Uniti d'America, il Regno Unito e l'Unione Sovietica. Successivamente la Francia fu aggiunta tramite una votazione, ma non ebbe incarichi. La Commissione aveva sede a Berlino-Schöneberg.

Necessità di un accordo[modifica | modifica sorgente]

Dopo la morte di Adolf Hitler, Karl Dönitz divenne presidente della Germania in base all'ultimo testamento politico di Hitler. Autorizzò la stipulazione, a Reims, di una resa incondizionata di tutte le forze militari tedesche, che entrò in vigore l'8 maggio 1945 e che stabiliva inoltre la nomina a presidente di Ludwig Graf Schwerin von Krosigk. Quest'ultimo presidente non fu riconosciuto dagli Stati Uniti, e Dönitz fu arrestato insieme agli altri membri del governo il 23 maggio dall'Esercito Britannico. L'Accordo della Resa della Germania usato dagli alleati a Reims fu modellato similmente a quello usato qualche giorno prima in occasione della resa delle truppe tedesche in Italia.[1]. Quindi gli Alleati non usarono quello che era stato stabilito per la resa della Germania dalla "Commissione Europea di Sorveglianza" (EAC). Ciò creò un problema legale per gli Alleati, poiché sebbene l'esercito tedesco si fosse arreso in modo incondizionato, il governo civile tedesco non era stato incluso nella resa. Questa questione fu giudicata molto importante, dato che Hitler aveva usato la "resa civile" e non specificamente "militare" del 1918 come pretesto per riprendere la questione "Stab in the back" ("Pugnalata alla schiena"). Gli alleati, per evitare il sorgere di una Germania ostile, decisero di non riconoscere Dönitz, ma piuttosto di firmare un documento fra le quattro potenze, in modo da creare la Commissione alleata di controllo.

Stipulazione[modifica | modifica sorgente]

Il 5 giugno 1945, a Berlino, i maggiori esponenti delle quattro potenze occupanti firmarono una Dichiarazione Comune riguardo alla Sconfitta della Germania (la cosiddetta Dichiarazione del 1945), che abolì formalmente ogni forma di governo dalla nazione:

« I Governi degli Stati Uniti d'America, dell'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, del Regno Unito della Gran Bretagna e dell'Irlanda del Nord ed il Governo Provvisorio della Repubblica di Francia, assumono d'ora in poi la suprema autorità rispetto alla Germania, inclusi tutti i possedimenti del Governo Tedesco, il Comando Supremo ed ogni stato, comune, o governo locale, o autorità. L'assunzione, per lo scopo sopra indicato, della detta autorità e dei possedimenti non include l'annessione della Germania.

[US Department of State, Treaties and Other International Acts Series, No. 1520.][2] »

Quest'imposizione era in linea con l'Articolo 4 del Metodo di Resa che era stato incluso in modo che il documento EAC, o qualcosa di simile, poté essere imposto ai tedeschi dopo la resa militare. L'Articolo 4 stabiliva:

« Questo documento di resa militare è privo di pregiudizio, e sarà soprasseduto dai metodi generali di resa imposti a nome delle Nazioni Unite e sarà totalmente applicabile alla Germania e alle forze armate tedesche[3] »

In realtà, certamente, ogni autorità civile tedesca cessò di esistere alla morte di Hitler e più tardi con la caduta di Berlino. Queste dichiarazioni delle Nazioni Unite, furono solo formalizzate de facto status e diedero alla Germania solide basi politiche con il controllo alleato. Tuttavia il reale esercizio del potere avvenne con l'"Accordo sul Metodo di Controllo in Germania" che fu stipulato a Londra dagli Stati Uniti, dal Regno Unito e dell'URSS il 14 novembre 1944[4] basato sul lavoro della Commissione Europea di Sorveglianza. La Germania fu divisa in tre zone di occupazione, una Americana, una Britannica ed un'altra Sovietica, e le regole di ogni zona furono stabilite dai rispettivi generali delle tre nazioni (più tardi fu aggiunta un'area francese).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Earl F. Ziemke, The U.S. Army in the Occupation of Germany 1944-1946, Washington, D. C., Center of Military History United States Army, 1990, p. 256. Library of Congress Catalog Card Number 75-619027. First Printed 1975-CMH Pub 30-6
  2. ^ Declaration Regarding the Defeat of Germany
  3. ^ Earl F. Ziemke References CHAPTER XV:The Victory Sealed Page 258
  4. ^ Scanned original document at the Franklin D. Roosevelt Presidential Library and Museum

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

seconda guerra mondiale Portale Seconda guerra mondiale: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di seconda guerra mondiale