Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Comic Bom Bom

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Comic Bom Bom
Stato Giappone Giappone
Lingua giapponese
Periodicità Mensile
Genere Kodomo
Fondazione 15 ottobre 1981
Editore Kodansha
Sito web http://bombom.kodansha.co.jp/
 

Comic Bom Bom (コミックボンボン Komikku Bonbon?) è stata una rivista giapponese di manga kodomo pubblicata dalla Kodansha per i bambini delle scuole elementari ogni 15 del mese.

Ogni uscita contava più di 700 pagine, delle quali più di 80 erano a colori. Come il suo rivale, il CoroCoro Comic, aveva all'interno i tie-in con vari giochi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima pubblicazione risale al 15 ottobre 1981, quando Mobile Suit Gundam era estremamente popolare. Sebbene questa serie sia per età maggiori, attraverso i modellini della serie ha raggiunto anche i ragazzi più piccoli. Molte serie popolari furono pubblicate nel Comic Bom Bom, come la serie SD Gundam, Rockman o Medarot.

Con l'uscita di gennaio 2006, il Comic Bom Bom è stato aggiornato, attraverso un nuovo logo ed il passaggio dal formato A5 a B5, lasciando tuttavia intatto il costo, a 480 yen.

A causa del calo delle vendite, a fine 2007 è stato sostituito dal Gekkan Shonen Rival.[1]

Serie pubblicate[modifica | modifica wikitesto]

anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

  • Gundlander
  • Kouryu Densetsu Villgust
  • Mobile Suit Gundam F91
  • Ultra Ninpocho (1992-2001)
  • Rockman X
  • Shin Musha Gundam Chou Kidou Daishougun
  • Chou Musha Gundam Bushin Kirahagane
  • Chou Musha Gundam Touba Daishougun
  • Medarot (1997-2003)
  • Shin Iyahaya-kun
  • SD Gundam Fullcolor Theater
  • Cyborg Kuro-chan
  • Chou Musha Gundam Tensei Shichinin Shuu
  • Chou Musha Gundam Musha Senki Hikari no Hengen Hen
  • Transformers Beast Wars II
  • Microman
  • King of Bandit Jing
  • Doonto! Dragon Kid!
  • Herohero-kun

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La notizia sul sito della Yomiuri, 06-03-2008. (archiviato dall'url originale il 2008-03-02).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]