Comic Bom Bom

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Comic Bom Bom
Stato Giappone Giappone
Lingua giapponese
Periodicità Mensile
Genere Kodomo - Shonen manga
Fondazione 15 ottobre 1981
Editore Kodansha
Sito web http://bombom.kodansha.co.jp/
 

Comic Bom Bom (コミックボンボン Komikku Bonbon?) è stata una rivista giapponese di manga kodomo e shonen pubblicata dalla Kodansha, pubblicata per i ragazzi delle scuole elementari ogni 15 del mese.

Ogni uscita conteneva più di 700 pagine, delle quali più di 80 sono a colori. Come il suo rivale, il CoroCoro Comic, ha all'interno i tie-in con vari giochi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima pubblicazione risale al 15 ottobre 1981, quando Mobile Suit Gundam era estremamente popolare. Sebbene questa serie sia per età maggiori, attraverso i modellini della serie ha raggiunto anche i ragazzi più piccoli. Molte serie popolari furono pubblicate nel Comic Bom Bom, come la serie SD Gundam, Rockman o Medarot.

Con l'uscita di gennaio 2006, il Comic Bom Bom è stato aggiornato, attraverso un nuovo logo ed il passaggio dal formato A5 a B5, lasciando tuttavia intatto il costo, a 480 yen.

A causa del calo delle vendite, a fine 2007 è stato sostituito dal Gekkan Shonen Rival.[1]

Serie pubblicate[modifica | modifica wikitesto]

anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

  • Gundlander
  • Kouryu Densetsu Villgust
  • Mobile Suit Gundam F91
  • Ultra Ninpocho (1992-2001)
  • Rockman X
  • Shin Musha Gundam Chou Kidou Daishougun
  • Chou Musha Gundam Bushin Kirahagane
  • Chou Musha Gundam Touba Daishougun
  • Medarot (1997-2003)
  • Shin Iyahaya-kun
  • SD Gundam Fullcolor Theater
  • Cyborg Kuro-chan
  • Chou Musha Gundam Tensei Shichinin Shuu
  • Chou Musha Gundam Musha Senki Hikari no Hengen Hen
  • Transformers Beast Wars II
  • Microman
  • King of Bandit Jing
  • Doonto! Dragon Kid!
  • Herohero-kun

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La notizia sul sito della Yomiuri, 06-03-2008. (archiviato dall'url originale il 2008-03-02).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]