Colpo di frusta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il motivo stilistico e decorativo Liberty, detto anche "style coup de fouet", o "ligne en coup de fouet", vedi Art Nouveau#La pittura.
Radiografia di colpo di frusta che mostra una perdita di lordosi normale

Contrariamente all'uso comune, l'espressione colpo di frusta è una frase colloquiale, non appartenente alla terminologia medico-specialistica, che non sottende una patologia traumatica del rachide cervicale, né, tantomeno, una sua lesione: l'espressione, infatti, rimanda a un semplice movimento articolare[1] del rachide cervicale nei tre piani dello spazio a seguito di un'accelerazione o decelerazione. Si tratta, quindi, di un fisiologico meccanismo articolare in risposta a una sollecitazione, che non comporta, di per sé, alcuna conseguenza patologica. Solo quando tale movimento sia particolarmente brusco e istantaneo (come può succedere a seguito di sollecitazioni particolarmente intense) esso può dare origine a conseguenze patologiche: si parlerà, in questo caso, di esiti da colpo di frusta, che possono consistere in contratture dei muscoli paravertebrali, riduzione della lordosi fisiologica del tratto cervicale, schiacciamento o frattura delle vertebre cervicali[1]. Gli esiti patologici del colpo di frusta, quando pure si verificano, sono quasi sempre completamente reversibili in tempi brevi: solo in una minoranza di casi il colpo subito può procurare danni permanenti[1]. Nonostante questo, la facilità di simulazione dei sintomi porta i sinistrati a comportamenti frodatori: in alcune situazioni nazionali, come quella italiana, le truffe assicurative connesse alla simulazione del colpo di frusta raggiungono effetti definiti "devastanti" sui costi del sistema assicurativo e sull'ingombro delle cause giudiziarie[2].

Nella letteratura medica anglosassone la terminologia distingue nettamente il semplice movimento articolare, privo di connotazioni patologiche (indicato con il termine a-tecnico whiplash), dagli eventuali effetti lesivi associati al colpo di frusta, indicati, complessivamente, come whiplash associated disorders (WAD).

Patogenicità del colpo di frusta ed epidemiologia delle lesioni[modifica | modifica wikitesto]

Dal momento che l'espressione designa solo un meccanismo articolare nei tre piani dello spazio, allora anche la diagnosi di "colpo di frusta" (o "colpo di frusta cervicale"), indicata su un certificato medico o su un referto di pronto soccorso, non assume un particolare rilievo da un punto di vista medico-legale[1].

Anche quando il colpo di frusta abbia causato degli esiti, si tratta normalmente di lesioni che, come dimostrato da uno studio scientifico, regrediscono completamente nell'80-90 per cento dei casi, entro un periodo che va da pochi mesi a un anno, senza lasciare danni permanenti[1]. Un'altissima percentuale di casi si risolve completamente in tempi ancor più brevi: ad esempio, i traumi acuti minori del collo che hanno richiesto l'intervento del pronto soccorso si risolvono, per il 75% dei casi, entro 6-8 settimane, un lasso di tempo in cui tali casi giungono a completa guarigione, con remissione completa dei sintomi[2].

Soglia di invulnerabilità[modifica | modifica wikitesto]

Tamponamento antero-posteriore tra due autovetture

Riguardo all'incidenza epidemiologica di tali esiti in conseguenza di lievi incidenti stradali, è stato dimostrato che, salvo casi eccezionali (legati a un'erronea postura del passeggero, o a una particolare predisposizione anatomica, dovuta a caratteristiche della struttura ossea del soggetto), non si verificano danni da colpo di frusta (e quindi è da escludere il nesso eziologico) in seguito a tamponamenti antero-posteriori in cui la velocità del veicolo che segue sia superiore a quella del veicolo che precede di soli 10-15 km/h[1] (ad esempio, il veicolo A, che procede a 120 km/h, viene tamponato dal veicolo B che procede a 130/135 km/h). Mancando il nesso causale, si parla, in questo caso, di "soglia di invulnerabilità"[1].

Inoltre, è completamente escluso che un danno da colpo di frusta possa essere causato da incidenti diversi dal tamponamento, come, ad esempio, l'impatto laterale tra due veicoli, o l'investimento, a meno che, in quest'ultimo caso, non vi sia stato un impatto violento del massiccio facciale contro il suolo[3].

Incidenza epidemiologica e simulazione dei danni permanenti[modifica | modifica wikitesto]

I dati di incidenza di danni permanenti da "colpo di frusta" rilevati a seguito di incidente stradale, mostrano dati molto difformi nei vari contesti nazionali. Questa variabilità sembra essere anche condizionata dalle maggiore o minore praticabilità, da parte del sinistrato, di un'azione di risarcimento del danno.

Nesso tra postumi e aspettative risarcitorie[modifica | modifica wikitesto]

La simulazione dei sintomi e degli esiti patologici è stata dimostrata, ad esempio, da uno studio meta-analitico statunitense pubblicato nel 1996: Money matters: a meta-analytic review of the effects of financial incentives on recovery after closed-head injury (Una questione di soldi: un'analisi meta-analitica degli effetti di incentivi finanziari sul recupero dopo lesione chiusa)[4], La ricerca, condotta su 2353 pazienti da 18 gruppi di studio, ha rilevato l'esistenza di una correlazione tra la prospettiva di ottenere indennizzi economici e la persistenza dei postumi e la gravità dei danni lamentati dai traumatizzati: pazienti con danni traumatici lievi, ma oggetto di un possibile indennizzo, mostravano condizioni peggiori di pazienti con danni di maggior gravità accertata, per i quali, invece, non esistevano prospettive di possibili indennizzi[5].

Incidenza dei danni permanenti in Europa[modifica | modifica wikitesto]

La variabilità dell'incidenza si manifesta anche nella situazione europea. A titolo di esempio, la percentuale di sinistri con danni da colpo di frusta si mantiene su livelli molto bassi in alcune situazioni nazionali, soprattutto nel Nord Europa, con il 4,8% per i guidatori danesi, il 5% per i norvegesi, il 6% per i francesi[2]. Più alte percentuali di incidenza di effetti permanenti, si realizzano in Spagna (15%), Olanda (35%) e Germania (40%)[2].

Incidenza delle truffe assicurative in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Ben diverse sono, invece, i numeri con cui si trova a far fronte la pratica assicurativa e forense italiana: le situazioni che si registrano hanno dato luogo al fenomeno, tipicamente italiano, dell'altissima incidenza di danni permanenti da "colpo di frusta" a seguito di incidente stradale. Si tratta di un fenomeno, quello italiano, il cui "devastante"[2] impatto, dal punto di vista epidemiologico, non è giustificato dai dati scientifici e non trova alcun riscontro in Europa, in situazioni di mobilità paragonabili a quelle italiane[2].

Si calcola, infatti, in Italia, che ben il 56% dei sinistrati riporta danni permanenti da colpo di frusta, una percentuale che si attesta, quindi, su livelli significativamente superiori a quelli registrabili in Europa[2].

La distrazione del rachide cervicale in conseguenza di colpo di frusta è il microtrauma che domina ampiamente le statistiche italiane delle domande di risarcimento da incidenti stradali, con una percentuale valutata dall'ANIA nella misura del 73% di tutte le microlesioni che danno luogo a indennizzi assicurativi[6]. Ma l'occorrenza del colpo di frusta, in Italia, è frequentissima anche in altri campi dell'infortunistica, come è il caso delle cadute per inciampo sui marciapiedi pubblici (che, come già detto, non può causare danni al rachide, se non in casi eccezionali di impatto del volto al terreno[3]), fino a dinamiche ancora più fantasiose e improbabili, come l'impatto sul collo di una pallina da golf[6]. Un'analisi empirica dei dati provenienti dagli archivi del Tribunale di Roma, ha messo in rilievo che il colpo di frusta, preso da solo, costituisce la causa del 38% dei procedimenti per "danno alla salute" intentati tra il 1993 e il 1998[6] (la percentuale appare più che dimezzata nel periodo successivo, probabilmente in virtù dell'avvenuto passaggio delle decisioni di merito nell'ambito della sfera di competenza decisionale del giudice di pace[6]).

Effetti della simulazione[modifica | modifica wikitesto]

Il caso dell'abnorme incidenza italiana dei danni da colpo di frusta è l'effetto di un diffuso "malcostume"[7] che trova la sua origine della simulazione di malattie (patomimia), o nella esagerazione dei micro-danni permanenti, espedienti comportamentali che trovano un fertile terreno di coltura nell'universo delle microlesioni (come quelle del rachide), le uniche facilmente simulabili[7], grazie alla "pochezza dei postumi" e alla "loro natura talvolta asintomatica"[8]. I comportamenti simulatori danno luogo a condotte penalmente rilevanti, che ricadono nella fattispecie della truffa e della frode assicurativa[7].

Prevenzione[modifica | modifica wikitesto]

Poggiatesta regolabile installato sul sedile posteriore di un'autovettura, efficace mezzo di protezione passiva, se correttamente posizionato in altezza

I danni da colpo di frusta possono essere oggetto di prevenzione, mediante l'adozione di appositi sistemi di protezione, che possono avere natura attiva o passiva.

Poggiatesta[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Poggiatesta.

Il principale strumento passivo di prevenzione e riduzione del danno, per i traumi cervicali derivanti dalla circolazione stradale, è costituito dal poggiatesta, un dispositivo posto sulla sommità della spalliera dei sedili. Per un'effettiva protezione, il poggiatesta deve essere presente e utilizzato anche sui sedili posteriori, anche se occupati meno di frequente rispetto a quelli anteriori per guidatore e passeggeri.

Ai fini di una reale efficacia della protezione passiva offerta, è importante che il poggiatesta sia del tipo regolabile in altezza, in modo da potersi adattare alle caratteristiche fisiche del passeggero. Perché la protezione sia effettiva, occorre che la regolazione dell'altezza del dispositivo in base a quella dell'occupante avvenga ogni qualvolta un soggetto prende posto nell'abitacolo dell'autoveicolo.

Altri sistemi di protezione[modifica | modifica wikitesto]

Al fine di migliorare la prevenzione dell'incidenza di danni da trauma al rachide cervicale, esistono poi dei sistemi più complessi che integrano la protezione passiva offerta del poggiatesta con l'intervento di accorgimenti attivi: un esempio è dato dall'adozione del sistema WHIPS (Whiplash Protection System), elaborato e messo a punto dalla casa automobilistica Volvo negli anni ottanta del XX secolo.

Nel caso delle competizioni automobilistiche, possono essere adottati accorgimenti di protezione più ingombranti e invasivi, come il Sistema HANS, che incidono molto sul comfort ma sono in grado, però, di garantire protezione nelle situazioni estreme che possono verificarsi in tali situazioni di guida.

Test di valutazione[modifica | modifica wikitesto]

Il programma europeo di valutazione della sicurezza dei modelli di automobili posti in commercio (Euro NCAP - European New Car Assessment Programme), prevede un apposito test di valutazione, espresso in punti, per i danni da colpo di frusta dovuto a un tamponamento posteriore: introdotto in via sperimentale negli ultimi test di novembre 2008, è entrato ufficialmente in vigore dal 1º gennaio 2009.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g M. Rossetti, p. 643
  2. ^ a b c d e f g M. Rossetti, p. 642
  3. ^ a b G. Cassano (a cura di), p. 388
  4. ^ Binder LM, Rohling ML.; Money matters: a meta-analytic review of the effects of financial incentives on recovery after closed-head injury, American Journal of Psychiatry, 1996 January; 153(1): 7-10
  5. ^ A. Bianchi, G. Gullotta, G. Sartori (a cura di), p. 310
  6. ^ a b c d M. Rossetti, p. 641
  7. ^ a b c M. Rossetti, p. 657
  8. ^ M. Rossetti, p. 634

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Anatomia e medicina
Infortunistica e sicurezza stradale
Aspetti penali