Colostomia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La colostomia è un abboccamento chirurgico tra colon e parete addominale per permettere al contenuto fecale di fuoriuscire attraverso una via alternativa a quella naturale. Può essere temporanea o definitiva.

Tipi di colostomia[modifica | modifica wikitesto]

Esistono diversi tipi di colostomia a seconda del tratto di colon che viene esteriorizzato:

  • Cecostomia
  • Colostomia sull'ascendente
  • Colostomia sul trasverso
  • Colostomia sul discendente
  • Sigmoidostomia

Inoltre la colostomia può essere:

  • terminale: nel caso in cui venga sezionato il colon e il moncone prossimale venga abboccato alla parete addominale
  • laterale (detta anche "a canna di fucile" o "su bacchetta": nel caso in cui il colon non venga completamente sezionato ma venga soltanto portato fuori dalla parete addominale e poi inciso lungo la sua parete per permettere la fuoriuscita delle feci

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

I primi interventi di colostomia furono effettuati nel XVIII secolo, prima immaginato da Alexis Littré (21 luglio 1658 - 3 febbraio 1726) fu eseguito per la prima volta nel 1776, in quell'occasione la persona morì 20 giorni dopo l'operazione.[1]

Indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

La colostomia è indicata nelle seguenti condizioni:

  • Occlusione intestinale da stenosi per la quale non è possibile eseguire un'anastomosi in sicurezza
  • Perforazione colica con peritonite
  • Grave incontinenza che risulta impossibile trattare in altro modo
  • Neoplasie del retto basso - ano
  • Neoplasie avanzate della pelvi che provocano difficoltà alla canalizzazione
  • Sindrome di Hirschsprung
  • Trauma chiuso dell'addome con emorragia intestinale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Colonproctologia ambulatoriale: trattato per chirurghi, gastroenterologi e medici pratici, seconda edizione, pp. 1148-1149. Giuseppe Dodi. Piccin, 1993. ISBN 9788829910540

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Renzo Dionigi, Chirurgia basi teoriche e Chirurgia generale, Milano, Elsevier-Masson, 2006, ISBN 978-88-214-2912-5.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina