Colori proibiti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Colori proibiti
Titolo originale 禁色 - Kinjiki'
Autore Yukio Mishima
1ª ed. originale 1951
Genere Romanzo
Lingua originale giapponese
Ambientazione Giappone
Protagonisti Yuichi
Antagonisti Shunshuke
Altri personaggi Yasuko

Colori proibiti è un romanzo in due parti pubblicato tra il 1951 e il 1953 di Yukio Mishima, celebre scrittore giapponese di metà '900. È uno dei suoi più grandi capolavori, grazie alla delicatezza della sua forma e alla profondità nell'analisi psicologica dei personaggi.

Il nome Kinjiki del titolo allude eufemisticamente all'omosessualità: il termine che significa "proibito", in questo caso significa "amore erotico", ma può anche voler dire "colore". La parola Kinjiki sta ad indicare anche quei colori che a persone di rango della corte imperiale è stato proibito d'indossare.

La storia descrive il matrimonio menzognero tra un uomo gay e una giovane donna.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo narra la storia di Yuichi, un giovane bellissimo, adorato sia dalle donne che dagli uomini, talmente consapevole della bellezza che emana da sé e del potere che essa gli conferisce, da vivere una vita dedicata all'inganno e al puro piacere di far del male a chi lo ama, compresa la povera Yasuko, la quale finisce anche per diventare la sua infelice e costantemente tradita moglie.

Di questo suo carattere approfitta il vecchio Shunshuke, il quale, a sua volta egli stesso affascinato dallo splendido Yuichi, strumentalizza il ragazzo affinché seduca e faccia soffrire tutte quelle donne che, in passato, lo hanno deriso e umiliato per la sua bruttezza. La stessa Yasuko, cui tocca la pena peggiore, ovvero quella di sposare ed avere un figlio dal glaciale (nonché omosessuale) Yuichi, infatti, in passato aveva lasciato proprio Shunshuke, con cui stava per interesse, per il bel "Narciso".

Yuichi per tutto il romanzo appare essere una persona fredda, superficiale e senza cuore, cui interessa soltanto consumare i propri rapporti puramente carnali con un numero sempre maggiore di uomini di bell'aspetto, ma senza nutrire alcun tipo di sentimento nemmeno per i suoi compagni maschili. Lungo il corso del romanzo, anch'egli però scopre pian piano di avere un cuore.

Temi affrontati[modifica | modifica wikitesto]

  1. Omosessualità: il perseguimento della natura omosessuale del protagonista è forza motrice dell'intera narrazione. La repulsione che le donne han sempre provato nei confronti del vecchio Shunsuke fa sì ch'egli segretamente ammiri Yuichi, il quale non perde mai occasione per affermar la sua assoluta incapacità d'amare una donna.
  2. Misoginia: Sia Yuichi che Shunsuke provano un profondo disprezzo nei confronti delle donne, e questo fatto spinge ancor più i due a seguitar nel loro comportamento.
  3. Estetica/Antitesi Bellezza-Bruttezza: Yuichi è considerato l'apice irraggiungibile della bellezza fascinosa, mentre Shunsuke si è sempre considerato estremamente brutto.
  4. Antitesi e parallelismi giovinezza/vecchiaia: il giovane e il vecchio, apparentemente antitetici, si trovano qui a "cospirare" assieme come alleati. Parallelamente la giovane Kyoko e la matura signora Kaburagi si affrontano l'una contro l'altra per conquistarsi l'affetto di Yuichi.
  5. Vita-Morte: Shunsuke è ossessionato dalla morte e ritiene che essa sia da sempre molto più potente della vita.
  6. Verità-apparenza: l'ingresso di Yuichi nel mondo sotterraneo degli omosessuali di Tokyo lo rende ancor più un esser ambiguamente doppio, in quanto egli deve nascondere la sua vera natura agli occhi della moglie e del mondo intero.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]