Colorado (Colorado)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colorado
Colorado
Il fiume Colorado nei pressi di Page, in Arizona
Stati Stati Uniti Stati Uniti
Messico Messico
Suddivisioni Colorado, Utah, Arizona, Nevada, California, Bassa California, Sonora
Lunghezza 2 339 km
Portata media 620 m³/s
Bacino idrografico 629100 km²
Altitudine sorgente 2750 m s.l.m.
Nasce Lago La Poudre Pass
Sfocia Golfo di California
Mappa del fiume
Colorado e i suoi principali affluenti
Vista dal basso del Colorado al 174esimo miglio nel Grand Canyon
Il Colorado nel Grand Canyon visto dal deserto
Il Colorado visto da Laughlin
Horseshoe Bend è un'ansa a forma di ferro di cavallo situata vicino alla cittadina di Page, Arizona
Un remoto tratto del Colorado visto dal Escalante Route nel Grand Canyon

Il Colorado (‘Aha Kwahwat in mojave[1]) è un fiume collocato nel sudovest degli Stati Uniti e nel nordovest del Messico. Lungo approssimativamente 2.330 km, attraversa una parte dell'arida regione sul versante ovest delle Montagne Rocciose. Il corso naturale del fiume sfocia nel golfo della California, ma il massiccio prelievo delle sue acque per l’irrigazione nella Imperial Valley, ed usi civili, ne ha prosciugato il basso corso (in Messico) a tal punto che il fiume certi anni non riesce a raggiungere il mare.

Il Colorado ha un bacino idrografico di 629.100 km². La sua portata totale va da 113 m³/s durante la siccità a 28.000 m³/s durante i periodi di massima piena. Oggigiorno, una portata di oltre 2000 m³/s è rara, a causa dell'effetto stabilizzatore recato della costruzione di grandi bacini per centrali idroelettriche nel basso corso. La portata media totale prima dello sbarramento era di 620 m³/s[2].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Grand River[modifica | modifica sorgente]

Fino al 1921, la sezione del Colorado che va dalla sorgente, situata nel parco nazionale delle Montagne Rocciose, alla confluenza con il Green River (nello Utah) era conosciuta come “Grande Fiume”[3]. Questo nome non più in uso, come i seguenti: Grande Lago (Grand Lake), Grande Valle (Grand Valley), Grande Giunzione (Grand Junction), contea di Grand (Colorado) e contea di Grand (Utah). Edward T. Taylor, rappresentante del Colorado nella Camera dei Rappresentanti, propose al comitato congressuale sul commercio interstato e estero (Congressional commitee on Interstate and Foreign Commerce) di rinominare il Grande Fiume in Colorado. Il 25 luglio del 1921 il cambio di nome fu ufficializzato nella House Joint Resolution 460 del 66esimo Congresso, con l’obiezione dei rappresentanti del Wyoming e Utah e dell'istituto di ricerca geologica degli U.S. ( United States Geological Survey), il quale osservò che il bacino idrografico del Green River comprendeva più del 70% di quello del Grand River[4], sebbene quest’ultimo trasportasse un volume leggermente maggiore di acqua alla sua confluenza con il Green.

Corso d’acqua[modifica | modifica sorgente]

Preistoria[modifica | modifica sorgente]

L’opinione di molti geologi è che prima della formazione del golfo della California, circa 7-8 milioni di anni fa, il Colorado sfociasse da qualche parte lungo la costa della California. A causa delle attinenze delle conoidi sedimentarie sottomarine con i sedimenti trasportati dal fiume, gli scienziati ritengono che il massiccio canyon sottomarino di Monterey nella omonima baia sia ciò che rimane dell'antica foce di questo fiume [5]. Il canyon, inoltre, si è spostato a nord dalla sua posizione originaria, che si trovava approssimativamente nel luogo in cui ora sorge la città di Santa Barbara, fino alla sua attuale collocazione a causa dell'azione della Faglia di Sant'Andrea.

Corso odierno[modifica | modifica sorgente]

La sorgente del Colorado è il lago La Poudre Pass, nel Rocky Mountain National Park, appena ad ovest della Continental Divide. Scendendo dal Rocky Mountain National Park, il fiume scorre attraverso la Kawuneeche Valley per immettersi nel Grand Lake, il più largo corso d’acqua naturale di questo fiume, prima di venire sbarrato per creare lo Shadow Mountain Reservoir. Quindi si immette nel lago Gramby (un altro serbatoio d’acqua). Qui l’autostrada U.S 40 procede grosso modo parallela al fiume sino alla città di Kremmling, quando il fiume entra nel Gore Canyon. Molti degli affluenti dell'alto corso del Colorado sono di piccole dimensioni, ad eccezione di alcuni fiumi come il Gunnison e il Roaring Fork, che hanno una grande portata d’acqua. Circa 160 km oltre il Colorado incontra il fiume Eagle nella città di Dolsero dove la I-70 attraversa il Glenwood Canyon parallelamente al fiume. Il Colorado attraversa la città di Glenwood Springs per unirsi alle rapide del Roaring Fork River. A ovest di Glenwood Springs, attraversa la Grand Valley e si unisce al Gunnison nella Grand Junction. Da lì scorre verso ovest fino al confine dello Utah per entrare nel Westwater canyon. Il Colorado qui varia da 60 a 370 metri di larghezza e da 2 a 9 metri di profondità con occasionali aree più profonde.

Il fiume svolta a sud ovest vicino Fruita (Colorado) e si unisce con il Dolores non molto dopo essere entrato nello Utah. Segna parzialmente il confine sud del Parco nazionale degli Arches vicino Moab (Utah), passa dal Dead Horse Point State Park e attraverso il Canyonlands National Park dove incontra il suo affluente principale, Green River(fiume). Da qui il Colorado si immette nel Lake Powell, creato dalla diga Glen canyon Dam. A valle della diga, le acque rilasciate dal fondo del lago sono chiare, pulite e fredde. Appena a sud della città di Page(Arizona), il fiume forma la drammatica Horseshoe Bend, quindi all'altezza di Lees Ferry si unisce un altro affluente, il caldo, poco profondo e fangoso Paria River, per iniziare il suo corso attraverso il Marble Canyon. Qui, il Colorado varia dai 53 ai 213 metri di larghezza e dai 3 ai 40 m di profondità.

Al margine meridionale del Marble canyon, il fiume si unisce con un altro affluente il Little Colorado, per svoltare bruscamente a ovest attraversando le pieghe e la linea di faglia del altopiano. Attraversa il Grand Canyon, che è lungo 349 km e largo da 6 a 30 km, le cui pareti sono alte da 1200 a 1800 metri, scaglionate in una successione di scarpate alte dai 150 ai 490 metri, laminate in splendidi colori man mano che si scende nella stretta gola dove è presente il fiume.

A sud della confluenza del Virgin River nel Nevada il Colorado svolta repentinamente verso sud. La diga di Hoover, costruita durante la Grande depressione, forma il lago Mead, un celebre sito di svago, che fornisce gran parte dell'acqua alla città di Las Vegas. Da qui il fiume scorre verso sud per formare il confine tra Arizona e Nevada e tra Arizona e California. Lungo quest'ultimo sono state create quattro dighe addizionali al fine di ottenere l’acqua per l’irrigazione dei campi e laghi per lo svago. Il lago Mohave, creato dalla Davis Dam, si trova nella porzione meridionale dell'area di svago nazionale del lago Mead. Il Lake Havasu, formato dalla Parker Dam, provvede a fornire siti di svago come la casa di riposo New London Bridge. Le due rimanenti dighe forniscono acqua per le irrigazioni: Palo Verde Diversion Dam e Imperial Dam. Qui, il Colorado varia invece da una larghezza di 210 a 760 metri e dai 2 ai 30 metri di profondità.

Oltre il Black Canyon, la pendenza del fiume diminuisce gradualmente e il suo basso corso fluisce in una valle sedimentaria distinta da una pianta a estuario, a monte di Yuma (Arizona), dove si unisce con il Gila. Il canale che attraversa gran parte di questa regione è collocato in una specie di letto tra due argini in una zona alluvionale che viene inondata durante le piene. Questi argini isolano dal fiume basse aree nella California meridionale conosciute come Salton Sink, Coachella Valley o Imperial Valley. La Salton Sink è collocata al di sotto del livello del mare; pertanto il salto del fiume vicino Yuma è molto più grande di quella da quest’ultima al golfo.

Il basso corso del fiume, che segna il confine tra la Bassa California e Sonora, è praticamente un ruscello o un letto secco dovuto all'utilizzo del fiume per l’irrigazione della Imperial Valley. Prima della metà del 20-esimo secolo il delta del fiume creava un ricco estuario paludoso che si è ora prosciugato, ma ciò nonostante rimane un’importante risorsa ecologica.

Un Clima Riscaldato[modifica | modifica sorgente]

Come rivela il consiglio della difesa delle risorse naturali (Natural Resources Defense Council) il bacino del Colorado, che si estende dal Wyoming al Messico, è il centro del più intenso cambiamento climatico degli Stati Uniti Occidentali. Dagli anni settanta l’aumento della temperatura ha contribuito a un più rapido scioglimento delle nevi che ha portato al riscaldamento di molte aree contigue al bacino idorografico del Colorado, negli Stati Uniti. Come risultato, il volume di acqua nel bacino idrografico è diminuito. Gli anni dal 2000 al 2004 furono gli unici 5 anni consecutivi nella storia con una portata d’acqua sotto la media. Il Lake Powell, uno dei più importanti bacini idroelettrici, è pieno solo al 45%.[6]

Sommario delle altitudini[modifica | modifica sorgente]

Altitudine approssimativa sopra il livello del mare in diversi punti-chiave:

Metri Sito
2750 Sorgente (Montagne Rocciose)
1850 Metà strada dal confine tra Colorado e Utah
1300 Confine tra Colorado e Utah
1170 Metà strada dal confine tra Utah e Arizona
1130 Confine tra Utah e Arizona (Wahweap Bay)
900 Metà strada dal Grand Canyon (Rider Point)
850 Grand Canyon margine nord
760 Grand Canyon margine sud
365 Lago Mead (sopra la diga Hoover)
183 Sotto la diga Hoover
150 Confine tra California Arizona e Nevada
30 Confine tra California, Arizona e Messico

Da notare come la significativa differenza presente tra l'altezza dei margini del Grand Canyon (2440 m) e quella di ingresso/uscita del fiume fornisca una prova alla teoria geologica che il sollevamento di quel area deve essere iniziato, circa, quando il fiume ha iniziato a scorrerci ed eroderlo. Il tempo stimato per questo processo di erosione/innalzamento varia in un intervallo dai 5 ai 70 milioni di anni fa.

Ingegneria[modifica | modifica sorgente]

Nell'autunno del 1904 le acque del fiume fluirono in un canale diversivo poche miglia a sud di Yuma (Arizona), creando il New River e l’Alamo River. I fiumi crearono in California un grande lago in un’area che comunque veniva frequentemente inondata prima di allora, per esempio, nel 1884 e nel 1891; il Colorado in quel punto aveva praticamente abbandonato la sua forma di fiume attraverso il territorio messicano fino al mare di Cortez. Per quanto fosse stato sbarrato, il fiume ritornò al suo normale corso nella prima parte del 1907, nonostante ci fosse ancora una deviazione nel Salton Sea; nel luglio dello stesso anno fu costruita una diga permanente. Dal Black Canyon verso il mare il Colorado attraversa una zona prevalentemente desertica.

Il Colorado è una delle maggiori sorgenti di acqua per l’irrigazione, l’acqua potabile, e altri usi per le persone che vivono nell'arido sud-ovest americano. L’assegnazione dell'acqua del fiume è regolamentata dalla Colorado River Compact. A questo scopo diverse dighe sono state costruite lungo il corso, la prima fu la Glen Canyon Dam, vicino al confine tra Utah e Arizona. Le altre dighe sono la Hoover Dam, la Parker Dam, la Davis Dam, la Palo Verde Diversion Dam e l’Imperial Dam.

La Hoover Dam (originariamente Boulder dam, e la prima diga del suo tipo) fu completata nel 1936. Situata nel deserto del Mojave, crea il lago Mead, che fornisce acqua per l’irrigazione e la produzione di energia idroelettrica.

Dal completamento delle dighe, la maggioranza dei fiumi sono stati deviati per il rifornimento di acqua da sfruttarsi per l’agricoltura e utilizzo urbano. Le ultime gocce del Colorado evaporano nel deserto di Sonora, molte miglia prima che il fiume raggiunga il Golfo della California. Quasi il 90% di tutta l’acqua deviata dal fiume viene usata allo scopo di irrigazione. L'All-American Canal è il più grande canale per l’irrigazione nel mondo e trasporta un volume d’acqua dai 420 agli 850 m3/s, superiore al fiume Hudson a New York. Le acque del canale sono usate per irrigare l’inaridita ma fertile Imperial Valley, dove posso passare degli anni tra una precipitazione e l’altra. Per valutare la gestione del flusso del fiume e la qualità del acqua vengono usati dei modelli di trasporto idrologico (Hydrology transport models).

Diverse città come Los Angeles, Las Vegas, San Bernardino, San Diego, Phoenix e Tucson allacciano i loro acquedotti lungo il corso del Colorado. Uno dei vari acquedotti è il canale Central Arizona Project (“CAP”), che fu iniziato negli anni settanta e terminato nei novanta. Il canale inizia dalla Parker Dam e corre fino a Phoenix e da lì a Tucson per soddisfare il bisogno di acqua dei loro abitanti.

Il basso Colorado è navigabile con imbarcazioni di medie dimensioni. Il basso corso dalla Davis Dam a Yuma è navigabile con chiatte e navi a pescaggio limitato, ma la navigazione commerciale sul fiume non è in genere di rilievo per la mancanza di un collegamento al mare, rendendo nella regione altri metodi di trasporto più efficienti. Prima degli utilizzi recenti del fiume, e della costruzione della ferrovia, il basso Colorado, dal mare a Laughlin (Nevada) era un'importante via di comunicazione per mezzo di grandi navi a vapore. Attualmente gran parte del residuo fiume, escluse le rapide nel canyon, è navigabile con imbarcazioni medio-piccole.

Residui di Uranio vicino Moab[modifica | modifica sorgente]

L’Atlas Corporation sfruttava una miniera di uranio nelle vicinanze di Moab (Utah), ad appena 3 miglia di distanza. Come residuo dell’attività mineraria, è stato prodotto un cumulo di una decina di milioni di tonnellate di materiale di scarto radioattivo. Il cumulo è collocato a circa 200-300 metri dal Colorado. Attraverso indagini si è scoperto che la falda nella prossimità del materiale è stata contaminata. Il senato ha concesso al dipartimento dell'energia (United States Department of Energy) un budget di 22,8 milioni di dollari nel 2007 per avviare il progetto che prevede lo spostamento del cumulo, di 15-20 miglia a nord del fiume. Si stima il completamento del progetto per il 2017.

Forme di vita[modifica | modifica sorgente]

Il fiume Colorado nel James M. Robb Colorado River State Park all'alba

Il bacino del Colorado è la casa di quattordici specie native di pesci. Quattro sono endemiche e a rischio di estinzione. Il programma di recupero pesci a rischio di estinzione del Colorado superiore (Upper Colorado River Endangered Fish Recovery Program), è un controverso sforzo del US Fish and Wildlife Service, in collaborazione con l’Arizona Game and Fish Department, il Colorado Division of Wildlife e lo Utah Departement of Wildlife di recuperare queste specie a rischio.

Specie di pesci[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Munro, P et al.. A Mojave Dictionary Los Angeles: UCLA, 1992
  2. ^ Largest Rivers in the United States, USGS; retrieved April 22, 2007.
  3. ^ I primi esploratori indicarono il fiume Gannison nel Colorado come la fonte del fiume. Più avanti, il Grand River in Colorado venne identificato come tale. Infine, nel 1916 E.C. LaRue, capo-idrologo del United States Geological Survey, indicò il Green River nel Wyoming come la sorgente effettiva
  4. ^ Many years ago, the Colorado River was just Grand, retrieved January 5, 2008.
  5. ^ The Impact of Tectonic Activity in the Development of Monterey Submarine Canyon
  6. ^ "Hotter and Drier: The West's Changed Climate." Natural Resource Defense Council. Mar. 2008. 25 July 2008 <http://www.nrdc.org/globalwarming/west/fwest.pdf>.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]