Colonnello March

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colonnello March
Titolo originale Colonel March of Scotland Yard
Paese Regno Unito
Anno 1956
Formato serie TV
Genere poliziesco, fantastico
Stagioni 1
Episodi 26
Durata 30 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 1,33 : 1
Colore bianco e nero
Audio mono
Crediti
Interpreti e personaggi
Musiche Edwin Astley, Philip Green
Produttore Hannah Weinstein
Produttore esecutivo Donald Ginsberg
Casa di produzione Fountain Films, Independent Television, Panda Productions
Prima visione
Prima TV Regno Unito
Dal 29 febbraio 1956
Al 11 settembre 1956
Rete televisiva Independent Television

Colonnello March (Colonel March of Scotland Yard) è una serie televisiva britannica in 26 episodi trasmessi per la prima volta nel corso di una sola stagione nel 1956.

È basata sul personaggio del colonnello March creato dall'autore Carter Dickson nel romanzo The Department of Queer Complaints del 1940. È una serie del genere poliziesco incentrata sulle vicende del detective dall'occhio bendato Perceval March che lavora per Scotland Yard. March è interpretato da Boris Karloff che aveva già dato vita a questo personaggio nel film Colonel March Investigates del 1955.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Perceval March è un investigatore londinese per Scotland Yard che porta una benda nera sull'occhio sinistro (le cause dell'incidente non vengono mai spiegate nel corso della serie). March è specializzato in casi ai limiti dell'impossibile, omicidi e misteri che sembrano sfidare la realtà: alieni, persone invisibili, fantasmi, creature leggendarie (come lo yeti). Ad affiancarlo in queste indagini è il suo collega del dipartimento, l'ispettore Ames (sostituito in qualche episodio da un investigatore della polizia francese, il commissario Goron).

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie fu prodotta da Fountain Films, Independent Television e Panda Productions[2] e girata nei Southall Studios a Southall in Inghilterra.[3] Le musiche furono composte da Edwin Astley e Philip Green.[4]

Registi[modifica | modifica wikitesto]

Tra i registi sono accreditati:[4]

Sceneggiatori[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli sceneggiatori sono accreditati:[4]

  • John Dickson Carr in 26 episodi (1954-1956)
  • Leslie Slote in 16 episodi (1954-1956)
  • Peter Green in 3 episodi (1956)
  • Paul Monash in 3 episodi (1956)
  • Waldo Salt in 2 episodi (1956)

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie fu trasmessa nel Regno Unito dal 29 febbraio 1956 all'11 settembre 1956[5][6] sulla rete televisiva Independent Television.[2] In Italia è stata trasmessa con il titolo Colonnello March.[1]

Alcune delle uscite internazionali sono state:[7]

  • nel Regno Unito il 29 febbraio 1956 (Colonel March of Scotland Yard)
  • in Francia il 13 agosto 1961 (Les aventures du Colonel March)
  • in Finlandia (Eversti March)
  • in Argentina (Coronel March de Scotland Yard)
  • in Italia (Colonnello March)

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV Regno Unito
Prima stagione 26 1956

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Colonnello March - MYmovies. URL consultato il 20 maggio 2012.
  2. ^ a b Colonnello March - IMDb - Crediti per le compagnie di produzione e distribuzione. URL consultato il 20 maggio 2012.
  3. ^ Colonnello March - IMDb - Luoghi delle riprese. URL consultato il 20 maggio 2012.
  4. ^ a b c Colonnello March - IMDb - Cast e crediti completi. URL consultato il 20 maggio 2012.
  5. ^ Colonnello March - IMDb - Elenco degli episodi. URL consultato il 20 maggio 2012.
  6. ^ Colonnello March - tv.com - Elenco degli episodi. URL consultato il 20 maggio 2012.
  7. ^ Colonnello March - IMDb - Date di uscita. URL consultato il 20 maggio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione