Colofonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colofonia per l'archetto di violino.

La colofònia è una resina vegetale gialla solida, trasparente, residuo della distillazione delle trementine (resine di conifere Pinus Palustris e altri pini della famiglia delle Pinaceae). È anche nota in commercio col nome di pece greca, resina per violino (violin rosin), resina della gomma (essudato delle incisioni su alberi vivi di Pinus Palustris e Pinus Caribaea) e talloil. Come additivo alimentare ha il codice E915.

È costituita in gran parte da anidride abietica.

Il nome Colofonia deriva dall'antica città ionia di Colofone.

Produzione, composizione e caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La colofonia è prodotta principalmente in Cina e nei Paesi del Sud Est asiatico; consiste in circa 90% di acidi resinici e 10% di materia neutra. Degli acidi resinici circa il 90% è acido abietico (C20H30O2), il rimanente 10% è una mistura di acido diidroabietico (C20H32O2) e acido deidroabietico (C20H28O2). Si presenta come una massa resinosa trasparente, dal colore che va dal giallo pallido all'ambra scura, dai frammenti translucenti e fragile a temperatura ambiente. Ha un lieve sapore e odore di trementina. Fonde con facilità se riscaldata. È insolubile in acqua ma è solubile facilmente in alcool, etere, acetone, cloroformio, essenza di trementina, acido acetico, benzene, soluzioni alcaline e in generale nei solventi organici.

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Viene utilizzata nella fabbricazione di vernici, saponi, adesivi, pece da calafataggio, lubrificanti, inchiostri, ceralacca, per isolamenti elettrici, come disossidante nella saldatura a stagno e nell'industria tessile per ottenere stoffe non sgualcibili, linoleum. Viene inoltre utilizzata per ottenere l'attrito dell'archetto sulle corde degli strumenti ad arco e in subacquea come componente del mastice per riparare le mute umide. Nell'antichità veniva utilizzata per fabbricare le maschere teatrali. È usata principalmente in forma di derivati: sali alcalini degli acidi resinici addizionati ai saponi, sali di manganese usati come essiccativi; esteri che possono essere incorporati alle bacheliti.

All'interno dello stagno per saldatura usato in elettronica ci sono delle anime (tipicamente 3) contenenti colofonia additivata con cloruro di zinco, dove la colofonia calda forma una zona sgrassata ed ermetica all'ossigeno atmosferico, e il cloruro, ottimo disossidante, rende le superfici da saldare pulite.

In Europa sono permessi composti come gli esteri della colofònia, per la stabilizzazione nelle bibite degli oli vegetali ed emulsionati in cui sono disciolti sapori ed aromi. Questo garantisce che con il passare del tempo l'emulsione non si separi dalla frazione acquosa per formare una fase superiore meno densa [1].

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

  • densità: 1,04 ÷ 1,10 g/cm³
  • numero di acidità: >150
  • punto di rammollimento: 70 °C ÷ 80 °C
  • punto di goccia: 80 - 95 °C
  • punto di fusione: 60 - 135 °C
  • ceneri: <0,031%
  • saponificazione: 170 - 185
  • insaponificabile: 3 - 8%

Patologie legate alla manipolazione[modifica | modifica sorgente]

Può dar luogo a dermatiti allergiche da contatto. Può inoltre essere causa di asma professionale nei saldatori e nei musicisti. Può dar luogo a tubariti. Una dermatite da contatto acuta può provocare anche ecchimosi alle gambe.

Utilizzi particolari[modifica | modifica sorgente]

La colofonia, insieme con clorato di potassio e lattosio, è uno dei componenti che vengono opportunamente mescolati per far bruciare i foglietti delle elezioni papali nella stufa che dalla Cappella Sistina annuncia, con il fumo bianco, l'elezione del nuovo Pontefice [2]. È usata anche per la composizione del vischio da cattura: essa infatti, mescolata con olio di lino e fatta bollire per un paio di ore, indurisce dando vita ad una sostanza viscosa.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Una vicenda esemplare. | il blog della SCI
  2. ^ Così come indicato da Padre Federico Lombardi, capo della Sala Stampa Vaticana, nella conferenza stampa del 12 marzo 2013

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia