Coloborhynchus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Coloborhynchus
Stato di conservazione: Fossile
Coloborhynchus piscator jconway.jpg
Coloborhynchus piscator
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Ordine Pterosauria
Sottordine Pterodactyloidea
Famiglia Ornithocheiridae
Genere Coloborhynchus

Il coloborinco (gen. Coloborhynchus) è un rettile volante estinto, appartenente agli pterosauri. Visse nel Cretaceo inferiore (120 – 110 milioni di anni fa) e i suoi resti sono stati ritrovati in Europa, Nordamerica e Sudamerica.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Benché conosciuto principalmente per parti di cranio, il coloborinco è uno pterosauro piuttosto noto grazie a numerosi ritrovamenti in varie parti del mondo. I resti rinvenuti hanno permesso di ricostruire un grande pterosauro, dall'apertura alare che poteva superare i 6 metri (con la specie Coloborhynchus spielbergi) ma più spesso si attestava intorno ai 3 metri (C. araripensis). Il cranio era allungato e dotato di mascelle armate di lunghi denti anteriori; entrambe le mascelle possedevano una struttura arrotondata e stretta, simile a una carena sottile, che conferiva al muso dell'animale un profilo quasi tondeggiante.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Fossili di Coloborhynchus clavirostris

Questo pterosauro è noto fin dal 1874, quando Richard Owen descrisse la specie tipo (Coloborhynchus clavirostris), ma per molto tempo fu conosciuto solo per frammenti e il più delle volte nelle pubblicazioni scientifiche venne considerato un nomen dubium di scarso interesse. Solo a partire dagli anni '80 del secolo scorso vennero alla luce resti più completi, provenienti per lo più dal Sudamerica, ma vennero attribuiti ad altri generi, come Anhanguera o Tropeognathus. Solo con una revisione dei numerosi resti, effettuata nel 2000, si pervenne alla conclusione che molti di questi fossili erano da attribuire a un unico genere dalla notevole distribuzione geografica. Tra le specie più note, da ricordare la già citata Coloborhynchus clavirostris dell'Inghilterra, la nordamericana C. wadleighi (poi ridescritto come Uktenadactylus) e le sudamericane C. robustus, C. araripensis, C. piscator e C. spielbergi. Il genere Coloborhynchus è considerato un rappresentante degli ornitocheiridi (Ornithocheiridae), una famiglia di pterosauri dalle abitudini pescatrici diffusi soprattutto nel Cretaceo inferiore.

Scheletro di Coloborhynchus spielbergi

Stile di vita[modifica | modifica sorgente]

Data la particolare forma del cranio, è probabile che il coloborinco fosse un predatore che si cibava di pesce: questo animale, forse, volava a pelo dell'acqua immergendo le fauci che, grazie alla particolare struttura idrodinamica, non provocavano grande attrito e permettevano all'animale di catturare i pesci e altre prede marine. È possibile che questi animali effettuassero migrazioni stagionali di grande portata, dal momento che i loro resti sono stati ritrovati in varie parti del mondo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Veldmeijer, A. J., 2003, Coloborhynchus spielbergi sp. nov. (Pterodactyloidea) from the Albian (Lower Cretaceous) of Brazil: Scripta Geologica, v. 125, p. 35-139.
  • Veldmeijer, A. J., Meijer, H. J. M., and Signore, M., 2006, Coloborhynchus from the Lower Cretaceous Santana Formation, Brazil (Pterosauria, Pterodactyloidea, Anhangueridae); an update: www.PalArch.nl, Vertebrate paleontology, v. 3, n. 2, 15-29.
  • Rodrigues, T., & Kellner, A.W.A., 2008, Review of the pterodactyloid pterosaur Coloborhynchus. in Flugsaurier: Pterosaur papers in honour of Peter Wellnhofer. Hone, D.W.E., and Buffetaut, E. (eds). Zitteliana B 28. 264pp. p210-228.
dinosauri Portale Dinosauri: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di dinosauri