Collusione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La collusione è un accordo fraudolento stipulato tra varie parti, al fine di ottenere reciproci vantaggi.

Il termine viene utilizzato in diritto per riferirsi ad accordi illegali o comunque sanzionati dalla legge

Esso viene molto utilizzato in campo economico, ad esempio viene stipulato tra più imprese in un oligopolio per il conseguimento di obiettivi concertati. Più operatori di un settore possono programmare una comune strategia di prezzo e/o quantità (Bertrand/Cournot) al fine di massimizzare i loro profitti. Questo è uno degli incentivi che spingono due aziende a colludere.

Quando diverse imprese stipulano tale accordo, detto accordo collusivo, esse formano un cartello. Tale è ad esempio l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, o altri casi di accordi tra compagnie multinazionali del settore alimentare.

Esso è nella maggior parte dei casi di tipo tacito (collusione tacita), le imprese cessano di farsi concorrenza sul prezzo al fine di massimizzare il profitto incrementando la leva della produttività o della ricerca e sviluppo di nuovi prodotti/servizi.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]