Collegio d'Europa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Collegio d'Europa
Stato Belgio Belgio
Città Bruges, Belgio e Natolin (Varsavia), Polonia
Fondazione 1949
Tipo Studi Europei post-laurea
Rettore Jörg Monar
Studenti 420 da 50 paesi differenti
Dipendenti 140
Sito web www.coleurope.be
 

Il Collegio d'Europa (meglio noto come College of Europe in inglese o Collège d'Europe in francese) è un istituto indipendente di studi europei post-universitari con sede a Bruges, in Belgio e a Natolin (Varsavia), in Polonia. Fondato nel 1949, è il più antico istituto di studi europei.

Gli Studenti sono solitamente selezionati in cooperazione con il ministero degli affari esteri del loro paese di nazionalità e l'ammissione è estremamente competitiva. Le lingue ufficiali di studio e lavoro sono l'inglese e il francese. Ogni anno, circa 400 studenti provenienti da circa 50 paesi di tutto il mondo studiano per ottenere il master in studi politici europei, studi legali europei e studi diplomatici europei nel campus di Bruges e il master in studi interdisciplinari europei nel campus di Natolin.

Secondo il The Times, il "Collegio d'Europa nella città medievale di Bruges sta all'elite politica Europea come l'Harvard Business School alla vita aziendale Americana. È una serra dove gli ambiziosi e talentuosi vanno a fare contatti"[1].The Economist' lo descrive come "una scuola d'elite per aspiranti Eurocratici"[2]il Financial Times scrive che "l'elite del Collegio d'Europa a Bruges" e "un'istituzione mirata a produrre gruppi dopo gruppi di laureati con un entusiasmo per l'integrazione Europea."[3] il Commissario Europeo per l'educazione Ján Figeľ descrive il Collegio come uno "dei centri più emblematici per studi Europei nell'Unione Europea[4] Il Collegio è stato anche descritto come "il posto leader dove studiare affari Europei"[5] e come "il centro d'elite per la futura classe dirigente dell'Unione Europea".[6] The Global Mail ha descritto gli studenti del Collegio d'Europa come "i futuri leaders Europei in formazione."[7]

I suoi anciens (Alumni) includono il Primo Ministro della Danimarca Helle Thorning-Schmidt, il Deputy Prime Minister della Gran Bretagna Nick Clegg e il Ministro degli Affari Europei Italiano Enzo Moavero Milanesi e Finlandese Alexander Stubb.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini del Collegio risalgono al Congresso dell'Aia del 1948, quando Salvador de Madariaga propose l'idea di creare un Collegio dove giovani laureati di differenti paesi potessero studiare e vivere insieme.

Un gruppo di cittadini di Bruges, guidati da Padre Karel Varleye, riuscirono con successo a proporre Bruges come sede di questo istituto. Il Professor Hendrik Brugmans, uno dei leader del Movimento Europeo al tempo, divenne il primo rettore del Collegio d'Europa.

In conseguenza e sulla spinta dei grandi cambiamenti dovuti alla caduta del comunismo nell'Europa centrale e orientale, su richiesta del governo polacco, fu aperto un secondo campus a Natolin (Varsavia) nel 1992.

Nel 1998, a seguito dell'iniziativa presa dagli ex alunni del Collegio, è stata fondata la Fondazione Europea Madariaga.

Promozioni[modifica | modifica sorgente]

L'anno accademico è solitamente denominato promozione. Ad ogni promozione viene assegnato il nome di un cittadino europeo illustre. Le ultime promozioni sono:

Organizzazione[modifica | modifica sorgente]

Il Collegio è finanziato principalmente dall'Unione europea, dal governo belga e dal governo polacco. Altri governi nazionali e fondazioni private partecipano in minor misura al finanziamento del Collegio.

  • Il consiglio d'amministrazione è presieduto da Jean-Luc Dehaene, ex primo ministro belga, e include rappresentanti della Commissione Europea, dei governi che ospitano i due campus e di altri governi. Il consiglio d'amministrazione è responsabile della realizzazione degli obiettivi del Collegio.
  • Il comitato esecutivo assicura invece il buon funzionamento finanziario e amministrativo del Collegio.
  • Il consiglio accademico assicura che il livello generale dell'istruzione sia mantenuta ad alti livelli.

Il rettore in Bruges dirige e coordina tutte le attività del Collegio. In stretta cooperazione, il vice rettore rappresenta il rettore ed è responsabile per la supervisione delle attività didattiche del Collegio nel campus di Natolin.

Master offerti[modifica | modifica sorgente]

  1. Master in European Law (LLM)
  2. Master of Arts in European Economic Studies
  3. Master of Arts in European Political and Administrative Studies
  4. Master of Arts in EU International Relations and Diplomacy Studies
  5. Master of Arts in European Interdisciplinary Studies


Alumni[modifica | modifica sorgente]

Molti ex studenti del Collegio, chiamati anciens (Francese per alumni), hanno servito come ministri di governo, membri di vari parlamenti nazionali e del parlamento Europei, diplomatici e alti funzionari di governo e dell'Unione Europea.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Jonathan Oliver, Which way will Nick Clegg turn? in The Times, 25 aprile 2010. URL consultato il 17 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2010).
  2. ^ Charlemagne: Free the Strasbourg 626 in The Economist, 5 febbraio 2004. URL consultato il 17 settembre 2011.
  3. ^ Tony Barber, Europe in joyous disbelief over Nick Clegg and the Lib Dems in Financial Times, 20 aprile 2010. URL consultato il 17 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2010).
  4. ^ The Commissioners – Profiles, Portfolios and Homepages in Europa (web portal). URL consultato il 22 aprile 2012.
  5. ^ Nicholas Hirst, The Bruges mafia, Flanders Today, 18 ottobre 2011. URL consultato il 26 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2010).
  6. ^ Richard Orange, Meet 'Gucci Helle,' slated to be Denmark’s first female prime minister, GlobalPost, 23 settembre 2011. URL consultato il 26 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2010).
  7. ^ Eric Ellis, Europe's leaders-in-waiting face the mess ahead, The Global Mail, 7 febbraio 2012. URL consultato il 7 febbraio 2012.