Colledimacine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colledimacine
comune
Colledimacine – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
Provincia Provincia di Chieti-Stemma.png Chieti
Amministrazione
Sindaco Graziano Di Berardino (lista civica) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 42°00′00″N 14°12′00″E / 42°N 14.2°E42; 14.2 (Colledimacine)Coordinate: 42°00′00″N 14°12′00″E / 42°N 14.2°E42; 14.2 (Colledimacine)
Altitudine 770 m s.l.m.
Superficie 11,3 km²
Abitanti 245[1] (31-12-2010)
Densità 21,68 ab./km²
Comuni confinanti Lama dei Peligni, Lettopalena, Montenerodomo, Taranta Peligna, Torricella Peligna
Altre informazioni
Cod. postale 66010
Prefisso 0872
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 069025
Cod. catastale C855
Targa CH
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti colledimanicesi
Patrono San Mariano
Giorno festivo 11 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Colledimacine
Posizione del comune di Colledimacine all'interno della provincia di Chieti
Posizione del comune di Colledimacine all'interno della provincia di Chieti
Sito istituzionale

Colledimacine (Collëdëmacënë in abruzzese[2]) è un comune italiano di 242 abitanti della provincia di Chieti in Abruzzo. Fa anche parte della Comunità montana Aventino-Medio Sangro.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La prima parte del nome deriva dal latino collis che significa altura, mentre la seconda dal latino macina.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le prime notizie storiche certe sono da ricercare nei registri angioini del 1269 qualdo il paese fu feudo delle famiglie Galgano e Oderisio di Acciano.[3] In seguito il paese passò al feudo dei Biondo, poi dei Cantelmo, di Tiberio d'Ugno di Guardiagrele, conte di Vallefredda e di Acquaviva, poi il paese fu dei conti Barbolani, i quali trasformarono il castello in palazzo residenziale mantenendo originario il portale del XVI secolo. Nel XVIII secolo Colledimacine fu dominio della signoria di Don Domenico de' marchesi Trasmondi. che risiedevano a Sulmona.[4]

Colledimacine è tra le Città decorate al Valor Militare per la Guerra di Liberazione perché è stato insignito della Croce di Guerra al Valor Militare per i sacrifici delle sue popolazioni e per la sua attività nella lotta partigiana durante la seconda guerra mondiale.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Ex-chiesa di San Rocco e relativa torre dell'orologio o campanaria. È sito in Piazza Barbolani di fronte al palazzo che dà il nome allo spiazzale. Attualmente la chiesa è residenza dell'arciprete. Mancano fonti che provano l'edificazione dell'edificio. Tuttavia un'iscrizione sulla torre prova la sua fondazione nel 1874 con testuali parole, IL CONTE RAFFAELE ULISSE BARBOLANI AL SUO PAESE la chiesa, invece, pare avere aperture e portali di origine medievale. Le pareti sono in pietra calcarea smussata mentre i cantonali sono in conci di pietra. Il portale in pietra lavorata ed i resti delle monofore siti sull'originaria facciata della chiesa attestano che l'abitato sia abitato già dall'epoca medievale.[5]
  • Chiesa di San Nicola di Bari. È sita a ridosso del Palazzo Barbolani. Varie ipotesi fanno presupporre che l'edificio sia stato costruito nel XVIII secolo. L'ingresso è preceduto da una grande scalinata d'accesso. La facciata principale è a struttura a capanna. Sopra il portale vi sono uno stemma ed un'apertura circolare. L'interno è a tre navate, di cui la navata principale è con volte a botte e lunette in corrispondenza dei collegamenti con le navate laterali. L'abside è posto in fondo alla navata centrale. All'interno, inoltre, vi sono le statue della Madonna delle Coste, di San Nicola e di sant'Emidio,il patrono del paese è San Mariano.[6]
  • Palazzo Baroni Barbolani. È sito nella piazza eponima. L'edificio è composto di due blocchi disposti a forma di "L". L'orografia del luogo determina un dislivello così pronunciato che la facciata principale è suddiviso in tre livelli mentre il resto del corpo di fabbrica è suddiviso in due. Il fabbricato è costruito sui resti dell'antico castello medievale. Il nuovo stabile viene fatto risalire al XVIII secolo anche se il primo documento che descrive questa costruzione è un documento di proprietà del 1875. Durante la seconda guerra mondiale un bombardamento causò dei seri danni all'edificio. L'impianto originario è molto rimaneggiato causa delle varie perdite della struttura. La facciata è suddivisa in quattro assi. Il palazzo è realizzato con pietra calcarea e scaglie e pezzi di laterizio come rifiniture. I vari piani sono scanditi all'esterno con delle cornici marcapiano. In alcuni punti vi sono delle decorazioni che ricordano i triglifi. Nella facciata retrostante vi sono dei ruderi di una costruzione addossata al palazzo baronale, segno che le modifiche della villa baronale hanno eliminato alcune strutture dell'impianto originario. Altri resti del primitivo impianto presentano elementi fortificati.[7]
  • Fonte Comunale. È sita in Via Roma. È costituita da due livelli: il corpo con le cinque cannelle e il vano lavatoio. La parte superiore è stata recentemente restaurata, la parte inferiore, invece, versa in pessime condizioni. Il blocco con le cannelle è in laterizio con, in cima, un coronamento e l'iscrizione della data di fabbricazione che ci riporta al 1893 lapideo.[8]

Feste ed eventi[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[10]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2006 2011 Graziano Di Berardino centro-sinistra Sindaco
2011 in carica Graziano Di Berardino lista civica Sindaco

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 219.
  3. ^ a b Autori Vari, Colledimacine e la sua storia (1ª parte), Portale Sangroaventino, 2004. URL consultato il 20 dicembre 2009.
  4. ^ Autori Vari, Colledimacine e la sua storia (2ª parte), Portale Sangroaventino, 2004. URL consultato il 20 dicembre 2009.
  5. ^ Autori Vari, Torre dell'Orologio (o Campanaria) ed ex Chiesa di San Rocco (Palazzo Dell'Arciprete), Portale Sangroaventino, 2004. URL consultato il 20 dicembre 2009.
  6. ^ Autori Vari, Chiesa di San Nicola di Bari, Portale Sangroaventino, 2004. URL consultato il 20 dicembre 2009.
  7. ^ Autori Vari, Palazzo Baroni Barbolani, Portale Sangroaventino, 2004. URL consultato il 20 dicembre 2009.
  8. ^ Autori Vari, Fonte Comunale, Portale Sangroaventino, 2004. URL consultato il 20 dicembre 2009.
  9. ^ Autori Vari, Eventi - Manifestazioni e spettacoli, Portale Sangroaventino, 2004. URL consultato il 20 dicembre 2009.
  10. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo