Coline Serreau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coline Serreau (Parigi, 29 ottobre 1947) è una regista, sceneggiatrice e attrice francese.

È considerata una delle registe più acclamate e più popolari della Francia[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlia della scrittrice Geneviève Serreau e del regista Jean-Marie Serreau, ha studiato letteratura, musica, danza classica e moderna; ha frequentato il conservatorio di Parigi e la scuola di circo e di trapezio dei Fratelli Fratellini.

Attratta dal teatro, entra all'École nationale supérieure des arts et techniques du théâtre (conosciuta come Scuola di rue Blanche) nel 1968 e si perfeziona alla Comédie-Française nel 1969. Poco a poco si orienta verso la scrittura per il cinema ed il teatro, alla regia di teatro, di cinema e d'opera.

Nel 1977, conosce un grande successo di critica con il suo secondo film Perché no? interpretato da Sami Frey, Mario Gonzales e Christine Murillo. Il film parla d'un trio amoroso composto da due uomini che vivono in coppia con la loro compagna comune.

Nel 1985, Tre uomini e una culla, con André Dussollier, Roland Giraud, Michel Boujenah, conosce un successo immenso con più di 12 milioni d'entrate, uno dei record del cinema francese, confermato anche dal César per il miglior film e per il miglior attore non protagonista a Michel Boujenah. Seguono Romuald & Juliette, La crisi! (Premio César per la migliore sceneggiatura), Il pianeta verde (una cocente critica dell'umanità), Chaos, 18 ans après, Saint-Jacques... La Mecque e Solutions locales pour un désordre global en 2010.

Ha inoltre scritto, interpretato e diretto la regia di opere liriche e teatrali[2].

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attrice[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatrice[modifica | modifica sorgente]

Regia teatrale[modifica | modifica sorgente]

Opera[modifica | modifica sorgente]

Regia

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Autore
Attrice
Regia

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Brigitte Rollet, Coline Serreau, Manchester University Press, Manchester, 1998
  2. ^ Per un profilo biografico, si veda la voce dedicata nell'Enciclopedia Treccani

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 12437125 LCCN: n94028930