Colin Seeley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colin Jordan Seeley
1968 BMW 750 Sidecar.jpg
Colin Seeley alla guida di un sidecar BMW in una gara rievocativa
Dati biografici
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Motociclismo IlmorX3-003.png
Carriera
Carriera nel Motomondiale
Esordio 1961 nei sidecar
Stagioni dal 1961 al 1967
Miglior risultato finale
GP vinti 1
Podi 7
Giri veloci 1
 

Colin Jordan Seeley (Crayford, 2 gennaio 1936) è un pilota motociclistico britannico ritiratosi dall'attività agonistica.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Nato nel Kent, iniziò dapprima a lavorare presso la Vincent HRD, Casa motociclistica britannica, per poi aprire un'officina per la riparazione di motociclette. Nel 1954 fece il suo esordio nelle corse, vincendo con una BSA 500 cm³ una gara sul circuito di Brands Hatch.

Successivamente si dedicò ai sidecar, categoria con la quale fece il suo esordio nel Motomondiale, nel 1961. Nella sua carriera di pilota, durata sino al 1967, Seeley ottenne due titoli britannici della categoria (1962 e 1963)[1] e due terzi posti nel Mondiale (nel 1964, anno in cui vinse il suo unico Gran Premio, quello d'Olanda, e nel 1966).

L'attività di costruttore[modifica | modifica sorgente]

Ritiratosi dalle corse, Seeley si dedicò alla costruzione di telai motociclistici, diventando celebre tra i piloti privati del Mondiale per le sue moto da competizione spinte dai motori AJS 350 e Matchless 500 monoalbero, rilevati dalla chiusura del gruppo AMC.

In secondo piano, con il serbatoio cromato, una Seeley 500 Condor G50 del 1966 con motore Matchless

La "mezzo litro" ebbe buoni risultati sportivi, vincendo per tre volte (1968, 1969 e 1971) la North West 200[2], piazzando quattro moto tra le prime dieci al Senior TT 1969[3] e permettendo a Tommy Robb nella stagione 1970 di piazzarsi al quarto posto finale della 500.

Dal 1971 Seeley lavorò per la Brabham, continuando a produrre telai per moto da competizione, spinte da motori Yamaha e Suzuki due tempi, a cui si affiancò una piccola serie di moto stradali con motore Honda CB 750 Four, costruite tra il 1975 e il 1978[4] in collaborazione con la filiale britannica della Casa nipponica, per la quale produsse anche il modello TL200 da trial.

Nel 1986 divenne coordinatore del team Brabham di Formula 1, incarico lasciato nel 1992 per diventare direttore del team Crighton-Norton. Tra i piloti da lui sostenuti vi furono Scott Smart e Karl Muggeridge.

Chiusa la Norton, è divenuto consulente per la casa d'aste Bonhams e per il circuito di Mallory Park.

Risultati nel motomondiale[modifica | modifica sorgente]

1961 Classe Moto Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Germany.svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of East Germany.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Flag of Sweden.svg Flag of Argentina.svg Punti Pos.
Sidecar Matchless - - - 6 - - NE NE NE NE NE 1[5] 14º
1962 Classe Moto Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Ulster banner.svg Flag of East Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of Finland.svg Flag of Argentina.svg Punti Pos.
Sidecar Matchless - - 3 - - - NE NE NE NE NE 4[6]
1963 Classe Moto Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Germany.svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Ulster banner.svg Flag of East Germany.svg Flag of Finland.svg Flag of Italy.svg Flag of Argentina.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Sidecar Matchless 6 - AN 6 - - NE NE NE NE NE NE 2[7] 10º
1964 Classe Moto Flag of the United States.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Flag of East Germany.svg Ulster banner.svg Flag of Finland.svg Flag of Italy.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Sidecar FCS/BMW NE - 4 2 1 - - NE NE NE NE NE 17[8]
1965 Classe Moto Flag of the United States.svg Flag of Germany.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of East Germany.svg Flag of Czechoslovakia.svg Ulster banner.svg Flag of Finland.svg Flag of Italy.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Sidecar BMW NE - Rit 6 Rit 3 6 NE NE NE NE - NE 6[9] 11º
1966 Classe Moto Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Germany.svg Flag of France.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of East Germany.svg Flag of Czechoslovakia.svg Flag of Finland.svg Ulster banner.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of Italy.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Sidecar BMW NE 3 2 - 5 NE NE NE NE 5 AN NE (14) 12[10][11]
1967 Classe Moto Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Germany.svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of East Germany.svg Flag of Czechoslovakia.svg Flag of Finland.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Sidecar BMW Rit - - 3 - - NE NE - NE - NE NE 4[12]
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]