Coesia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coesia Spa
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1923 G.D
Sede principale Bologna
Persone chiave Isabella Seragnoli, Presidente - Angelos Papadimitriou, CEO
Settore macchine per il packaging
Fatturato € 1,360 milioni ([[2012(Pro forma inclusa R.A Jones)]])
Dipendenti 5700 (2013)
Sito web www.coesia.com

Coesia è un Gruppo di aziende di soluzioni industriali, basato sull'innovazione e che opera globalmente, con sede a Bologna, Italia. Azionista unico è Isabella Seragnoli.

Le aziende del gruppo Coesia sono leader nei segmenti: macchine automatiche, soluzioni di processo industriale e ingranaggi di precisione. I clienti di Coesia sono leader nei settori di mercato: consumer goods, tobacco, aerospace, racing & automotive.

Coesia ha un fatturato consolidato nel 2012 di 1,360 milioni di Euro (Pro forma inclusa R.A Jones), 5500 dipendenti e 85 unità operative.

Coesia controlla tutte le attività operative del Gruppo: G.D, Sasib, AcmaVolpak, R.A Jones, Norden, Citus Kalix, GDM, Hapa, Laetus, Sacmo, ADMV, FlexLink, Cima.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Negli anni 40 la famiglia Seragnoli acquisisce la G.D, una fabbrica di motociclette fondata nel 1923. Riconvertita in una azienda di packaging, la sua attività si è evoluta nel tempo sviluppandosi dal campo delle macchine automatiche incartatrici e impacchettatrici per caramelle, cioccolatini e saponi per poi espandersi negli anni 50 nel mercato per le macchine impacchettatici dell’industria dolciaria (diventando leader mondiale), e negli anni 60 con la entrata nel settore delle macchine di confezionamento del tabacco. A partire dagli anni 80, nasce la CSII, holding di famiglia, poi in seguito rinominata Coesia che controlla G.D e i nuovi business acquisiti (1980: CIMA, 1986: A.C.M.A., 1995: GDM, 1996: VOLPAK, 2006: HAPA e LAETUS, 2008: SIRIUS MACHINERY GROUP, 2011: FLEXLINK e SASIB, 2012: R.A JONES, 2013 IPI).

Eredi e scissione del gruppo[modifica | modifica sorgente]

Alla scomparsa dei due co-fondatori, Maria Teresa Chiantore prese le redini del gruppo e le due famiglie decisero di attuare una suddivisione del gruppo. Da una parte Enzo Seragnoli, sposato con Maria Teresa Chiantore, aveva due figlie: Isabella e Simonetta; dall'altra il cugino Ariosto Seragnoli aveva due figli: Giorgio e Daniela.

Per consentire indipendenza di azione a ciascuno degli eredi, è stata avviata una complessa riorganizzazione del patrimonio di CSII, la cassaforte di famiglia, controllata al 75% da Isabella e Simonetta, mentre a Giorgio e Daniela faceva capo il restante 25%. [1]

Attraverso scissioni e spartizioni sono state create 4 nuove finanziarie ognuna intestata a uno dei membri della famiglia, cui è stato attribuito pro quota parte del portafoglio comune in azioni e titoli. La vecchia cassaforte è diventata la holding del patrimonio immobiliare. Le partecipazioni industriali controllate sono state scorporate e conferite alla CSII Industrie.

Dal 2002, Isabella Seràgnoli detiene il 100% della proprietà della CSII Industrie che dal 2005 assume la denominazione Coesia Spa e controlla tutte le attività operative del Gruppo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Un impero da 3000 miliardi tra aziende, mattoni, azioni - Repubblica.it » Ricerca
aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende