Codice Magliabechiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
Verso del folio 11 del codice Magliabechiano, raffigurante i simboli dei giorni Selce (coltello), Pioggia, Fiore e Coccodrillo

Il codice Magliabechiano è un codice azteco illustrativo creato a metà del XVI secolo, all'inizio del periodo coloniale spagnolo. È formato da un insieme di codici noti complessivamente come gruppo Magliabechiano. Tra gli altri manoscritti del gruppo si ricordano il codice Tudela ed il codice Ixtlilxochitl.

Il codice Magliabechiano è soprattutto un documento religioso. Le sue 92 pagine rappresentano quasi un glossario di elementi cosmologici e religiosi. Mostrano a turno i 20 nomi dei giorni del tonalpohualli, le 18 festività mensili, ed il ciclo di 52 anni. Mostrano anche varie divinità, riti indigeni e religiosi, costumi e credenze cosmologiche.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il codice Magliabechiano è basato su un precedente codice sconosciuto, che si pensa essere stato la base del gruppo Magliabechiano. Prende il nome da Antonio Magliabechi, un collezionista di manoscritti del XVII secolo, ed è esposto presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, in Italia.

Fu scritto su carta europea, con disegni e testi in spagnolo su entrambi i lati di ogni pagina.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Boone, Elizabeth Hill, The Codex Magliabechiano and the Lost Prototype of the Magliabechiano Group, edito con la ristampa di The Book of the Life of the Ancient Mexicans di Zelia Nuttall [1903], parte 2, Berkeley, University of California Press, 1983, ISBN 0-520-04520-3, oclc 8113016.
  • Carrasco, David. (2001). The Oxford Encyclopedia of Mesoamerican Cultures: The Civilizations of Mexico and Central America. Oxford. ISBN 0195108159.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]