Codex Zographensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Codex Zographensis

Il Codex Zographensis (bulgaro Зографско евангелие, russo Зографское евангелие) è un vangelo miniato del IX - X secolo scritto in alfabeto glagolitico una delle forme più arcaiche si scrittura cirillica, ritrovato nella biblioteca del Monastero di Zografou Monte Athos nel 1843, dal diplomatico e scrittore croato Antun Mihanović.

Il manoscritto contiene 304 fogli di pergamena, la prima parte è andata perduta, esso incomincia con Matteo 3:11. I primi 288 fogli sono scritti in glagolitico e contengono i testi del Vangelo. Nella parte centrale sono assenti alcuni fogli. Dalla pagina 41 alla pagina 57 il testo originale è stato rimpiazzato con testi del XII secolo. Altri 13 pagine sono state aggiunte del XIII secolo e contengono un synaxarium. Il manoscritto venne regalato dai monaci allo zar Alessandro II di Russia e da allora è conservato nella Libreria nazionale russa.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • V. Jagić: Studien über das altslovenische Zographosevangelium. Archiv für slavische Philologie I, II, 1876-1877.
  • N. Grunskij: K Zografskomu evangeliju. In: Sbornik Otdelenija russkogo jazyka i slovesnosti Akademii Nauk LXXXIII, No. 3, 1907.
  • N. van Wijk: Palaeoslovenica. I. O prototypie cerkiewno-sl/owian'skiego "Codex Zographensis". Rocznik Slawistyczny IX, 1921.
  • N. van Wijk: Ešče raz o Zografskom četveroevangelii. Slavia I, 1922/23.
  • J. Kurz: K Zografskému evangeliu. Slavia IX, 1930/31, XI, 1932.
  • Stjepan Damjanović, Staroslavenski jezik, Zagreb, Hrvatska sveučilišna naklada, 2003, ISBN 953-169-095-2.
  • Alexander Schenker, The Dawn of Slavic: An Introduction to Slavic Philology, New Haven, Yale University Press, 1995, ISBN 0-30005-846-2.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]