Codex Hierosolymitanus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Codex Hierosolymitanus (noto anche con i nomi di Codex Constantinopolitanus, manoscritto di Bryennios e Codice di Gerusalemme, e indicato con le sigle H, C o I) è un manoscritto in lingua greca, scritto da Leone nel 1056. Fu scoperto da Philoteos Bryennios nel 1873 nella biblioteca del Patriarcato di Gerusalemme a Costantinopoli, ed è conservato nel monastero della Chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme.

Il codice contiene la Didaché, la Lettera di Barnaba, la Prima lettera di Clemente, la Seconda lettera di Clemente, la versione lunga delle lettere di Ignazio di Antiochia e una lista dei libri della Bibbia secondo l'ordine di Giovanni Crisostomo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]