Coccyzinae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Coccyzinae
Piaya cayana Brazil.jpg
Cuculo scoiattolo (Piaya cayana)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Ordine Cuculiformes
Famiglia Cuculidae
Sottofamiglia Coccyzinae
Generi e Specie
  • vedi testo

I Coccizini (Coccyzinae) sono una sottofamiglia di uccelli cuculiformi della famiglia Cuculidae.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I Coccizini vivono esclusivamente nel Nuovo Mondo ed è la sottofamiglia di Cuculidi che si spinge più a nord, nidificando anche in Canada. Sono inoltre presenti anche su molte isole dei Caraibi. Le specie settentrionali sono comunque grandi migratrici e passano il periodo non riproduttivo in America Centrale o Meridionale. Frequentano soprattutto le zone boscose e le foreste fitte.
Sono uccelli arboricoli, con lunghe code, zampe forti e quasi sempre un sottocoda bianco. Si nutrono di grossi insetti e rettili; le specie insulari, anche a causa della mancanza di uccelli rapaci a minacciarle, sono specializzate nella cattura delle lucertole. A differenza di numerosi cuculi del Vecchio Mondo i Coccizini non sono parassiti di cova obbligati (anche se talvolta alcune specie possono depositare le proprie uova in nidi di altri uccelli), costruiscono un proprio nido sugli alberi e vi depongono due o più uova.

Specie[modifica | modifica wikitesto]

La sottofamiglia, che attualmente non ha valore tassonomico per Taxonomy in Flux (TiF) e per l'Unione Ornitologica Internazionale (IOC), comprendeva 2-5 generi ora inseriti nella sottofamiglia Cuculinae[1][2].

Alla sottofamiglia appartenevano:

I cuculi lucertola vengono talvolta inseriti nel genere Saurothera, mentre il cuculo panciacastana e il cuculo pettobaio vengono inseriti nel genere Hyetornis; invece il cuculo scoiattolo nano, il cuculo nano e il cuculo cenerino, vengono talvolta inseriti nel genere Coccyzus.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cuculidae su TiF (Taxonomy in Flux). URL consultato il 25 maggio 2012.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Order Cuculiformes in IOC World Bird Names (ver 4.4), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 6 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ffrench, Richard (1991). A Guide to the Birds of Trinidad and Tobago (2nd edition ed.). Comstock Publishing. ISBN 0-8014-9792-2.
  • Hilty, Birds of Venezuela, ISBN 0-7136-6418-5
  • Stiles and Skutch, A guide to the birds of Costa Rica ISBN 0-8014-9600-4
  • Payne R.B. (1997) "Family Cuculidae (Cuckoos)" P.p. 508–545 in del Hoyo J, Elliott A, Sargatal J (eds) (1997). Handbook of the Birds of the World Volume 4; Sandgrouse to Cuckoos Lynx Edicions:Barcelona. ISBN 84-87334-22-9
  • Olson, Storrs L. (1985): "Section VII.C. Cuculidae". In: Farner, D.S.; King, J.R. & Parkes, Kenneth C. (eds.): Avian Biology 8: 110-111. Academic Press, New York.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli