Clyde (fiume)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Clyde (Abhainn Chluaidh)
Clyde (Abhainn Chluaidh)
Il fiume Clyde, nel tratto in cui attraversa il Kingston Bridge a Glasgow.
Stato Regno Unito Regno Unito
Regioni/aree/distretti Scozia Scozia
Lunghezza 176 km
Bacino idrografico 4000 km²
Nasce Lowther Hills nel Lanarkshire Meridionale
Affluenti Avon
Sfocia Firth of Clyde
Mappa del fiume

Il fiume Clyde (Cluaidh nella lingua gaelica scozzese) è il più importante fiume della Scozia. Con i suoi 176 km di lunghezza è il decimo fiume più lungo della Gran Bretagna ed il terzo della Scozia. Il Clyde attraversa la più popolosa città scozzese, Glasgow, ed un tempo poteva essere anche considerato il fiume più importante in quanto a cantieri navali e scambi commerciali, di tutto l'impero britannico.

Corso del fiume[modifica | modifica sorgente]

Il Clyde nasce tra le alture denominate Lowther Hills nel Lanarkshire Meridionale. È formato dalla confluenza di due rami principali il Dear e il Potrail. Il fiume quindi bagna la città di Lanark e poi si dirige a nordovest prima di unirsi al fiume Avon per continuare ad attraversare la parte ovest della Scozia. Tra le città di Motherwell e Hamilton il naturale corso del fiume è stato alterato per creare il lago artificiale nel parco dello Strathclyde. Parte del corso originale è ancora visibile tra l'isola e la riva est del lago. Il fiume scorre quindi attraversando i centri abitati di Blantyre e Bothwell, quest'ultimo famoso per il suo bellissimo castello (castello di Bothwell). Attraversato Uddingstone il fiume raggiunge la città di Glasgow e quindi il porto di Glasgow per sfociare definitivamente nell'Oceano Atlantico formando l'ampia baia del Firth of Clyde.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]