Clupeonella cultriventris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Clupeonella cultriventris
Clupeonella.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Ordine Clupeiformes
Famiglia Clupeidae
Genere Clupeonella
Specie C. cultriventris
Nomenclatura binomiale
Clupeonella cultriventris
Nordmann, 1840
Sinonimi

Clupea cultriventris,
Clupeonella delicatula

Nomi comuni

Spratto del mar Nero

Clupeonella cultriventris, conosciuta come Spratto del mar Nero è un pesce osseo d'acqua dolce e salmastra della famiglia Clupeidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nel mar Nero, soprattutto lungo le coste settentrionali ed occidentali, e nel mar d'Azov. Popola anche il tratto inferiore dei fiumi tributari di questi bacini come il Danubio, il Dnieper e il Dniester.
Sebbene sia fortemente eurialina non si trova mai in acqua marina ma solo in acque salmastre a salinità inferiore al 34‰ o dolci nel basso corso dei fiumi, nelle foci, nelle lagune e nei laghi costieri.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Ha un aspetto simile ai comuni clupeidi mediterranei come la sardina, ma ha un profilo ventrale nettamente più pronunciato. La testa è corta e larga. Il ventre è coperto da una carena aguzza. Le appuntite pinne ventrali sono inserite molto indietro. La livrea è argentea con dorso verde-azzurro e pinne trasparenti.
La taglia è modesta, raggiunge al massimo 8 cm.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una specie pelagica che forma banchi fittissimi. Vive fino a 5 anni.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Si riproduce in primavera. I banchi d'acqua salmastra effettuano migrazioni verso l'acqua dolce per la fregola, le popolazioni del mar d'Azov effettuano una seconda migrazione riproduttiva in autunno, ma la deposizione delle uova avviene comunque in primavera. Gli individui dulcacquicoli invece sono stanziali. Le uova sono pelagiche e vengono deposte in acqua aperta. In estate gli esemplari giovanili migrano verso il mare.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si ciba di zooplancton, soprattutto crostacei come copepodi e cladoceri.

Pesca[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una specie importante per la pesca commerciale dei paesi affacciati sul mar Nero.

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

Le popolazioni sono abbondanti in tutto l'areale e non è una specie minacciata.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Kottelat M., Freyhof J. Handbook of European Freshwater Fishes, Publications Kottelat, Cornol (CH), 2007

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Clupeonella cultriventris in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci