Clube Esportivo Naviraiense

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Clube Esportivo Naviraiense
Calcio Football pictogram.svg
Jacaré do Cone Sul
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Verde, arancione e bianco
Dati societari
Città Naviraí
Paese Brasile Brasile
Confederazione CONMEBOL
Federazione Flag of Brazil.svg CBF
Campionato Campeonato Brasileiro Série D
Fondazione 2005
Presidente Ronaldo Silva Botelho
Stadio Virotão
(4000 posti)
Palmarès
Titoli nazionali 1 Campionato Sul-Matogrossense
1 Campionato Sul-Matogrossense Série B
Si invita a seguire il modello di voce

Il Clube Esportivo Naviraiense, noto anche come Naviraiense, è una squadra di calcio brasiliana con sede a Naviraí nello stato di Mato Grosso do Sul.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La squadra fu fondata il 25 novembre 2005[1]. Ha vinto il Campionato Sul-Matogrossense Série B nel 2007, e il Campionato Sul-Matogrossense nel 2009, battendo l'Ivinhema in finale[2]. Nel 2009 la Naviraiense ha partecipato al Campeonato Brasileiro Série D, venendo eliminata nella prima fase.[3]. Nel 2010 ha partecipato alla Coppa del Brasile e nella prima fase ha affrontato il Santos. Dopo la sconfitta per 1-0 nella gara di andata, tuttavia al ritorno la Naviraiense ha perso per ben 10-0[4].

Stadio[modifica | modifica sorgente]

La Naviraiense gioca le sue partite casalinghe nello stadio Virotão, che ha una capacità di 4000 spettatori[1].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Clube Esportivo Naviraiense, Futnet. URL consultato il 31 agosto 2009.
  2. ^ Naviraiense vence de virada e conquista título estadual, Diário Online, 22 luglio 2009. URL consultato il 31 agosto 2009.
  3. ^ Brazil 2009 - Fourth Level, RSSSF, 25 agosto 2009. URL consultato il 31 agosto 2009.
  4. ^ Santos slay Naviraiense and gives another show at Vila Belmiro: 10 to 0, Globo.com, 11 marzo 2010. URL consultato il 12 marzo 2010.