Club de Deportes Green Cross

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Green Cross
Calcio Football pictogram.svg
Pijes, La Cruz Verde, Taladro
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Bianco e Verde.svg bianco e verde
Dati societari
Città Santiago del Cile
Paese Cile
Confederazione CONMEBOL
Federazione Flag of Chile.svg FFC
Fondazione 1916
Scioglimento 1964
Stadio Estadio Nacional de Chile
(49.000 posti)
Palmarès
Titoli nazionali 1
Si invita a seguire il modello di voce

Il Club de Deportes Green Cross è stata una società calcistica cilena di Santiago, fondata il 27 giugno 1916 e sciolta nel 1964.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La squadra del Green Cross nel 1926

Fu fondato il 27 giugno 1916 da studenti di varie scuole quali San Ignacio, San Pedro Nolasco, Seminario e Padres Franceses a Santiago. Nel 1927 diventò una polisportiva, aggregando al calcio altre discipline, come pallanuoto, automobilismo, basket e nuoto. Durante i primi anni 1920 la società calcistica prese parte alla Asociación de Fútbol de Santiago, accanto a club come Magallanes, Badminton, Santiago Football Club, Santiago National e Gimnástico Arturo Prat. Con l'unificazione delle leghe del 1926 nella Liga Central de Football, il Green Cross fu incluso nella quarta serie del campionato; nel 1928 ottenne la promozione in seconda divisione. Dopo che nel 1929 svariate società erano fallite, il Green Cross venne ammesso alla prima divisione, ma i risultati furono scarsi.

Gli anni '30[modifica | modifica sorgente]

A fine maggio 1933 il club fu tra i fondatori, con Colo-Colo, Bádminton, Unión Española, Audax Italiano, Morning Star, Magallanes e Santiago National, della Liga Profesional de Football (LPF), prima competizione professionistica riconosciuta dalla Federación de Fútbol de Chile.[1]

Retrocesso in seconda divisione, tornò in prima solo nel 1939; a questa stagione appartiene un record che durò fino al 2004: il calciatore Juan Morcillo segnò per dodici giornate consecutive, e solo Jaime Riveros, sessantacinque anni dopo, riuscì a superare tale primato.[2]

Anni '40 e '50[modifica | modifica sorgente]

Nel 1945, il Green Cross, allenato da Eugenio Ibarra, vinse il suo unico titolo nazionale di prima divisione asommando 30 punti in 22 incontri, tre in più dell'Unión Española, e piazzò un proprio giocatore, Juan Zárate, in cima alla classifica cannonieri con 17 reti.[3] Nel 1951 e 1952 il Green Cross si classifica ultimo in campionato; stante però l'assenza di una seconda divisione, evita la retrocessione. Nel 1955 un argentino, Nicolás Moreno, diventa il miglior marcatore del torneo con 27 gol.

Gustavo Albella

Nel 1957 e nel 1958 Gustavo Albella, altro attaccante argentino, diviene capocannoniere del campionato nazionale, rispettivamente con 27 e 23 realizzazioni; ciò nonostante, il club retrocede in seconda divisione nella seconda di queste due stagioni.[4]

Anni '60: l'incidente aereo e la fusione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tragedia del Green Cross.
Julio Musimessi, al Green Cross nel 1960

Nel 1960 Green Cross si aggiudica il campionato di seconda divisione; nel 1961 il torneo si allarga, tanto da includere squadre da tutto il paese. Il 3 aprile 1961, in seguito a una partita di Copa Chile giocata a Osorno, la squadra decide di tornare in aereo a Santiago; il ghiaccio e le avverse condizioni meteorologiche causano lo schianto del velivolo, nel quale perdono la vita tutti gli occupanti, di cui venti membri del Green Cross tra calciatori, allenatore e staff tecnico.[5]

Nello stesso anno, il club viene coinvolto in uno scandalo amministrativo: il presidente Fernando Jaramillo Phillips, tesoriere del Banco Central de Chile, fu accusato di aver rubato alle casse della banca 264.000 escudos, con l'intenzione di risanare quelle del club, colpito da una pesante crisi economica. Il 28 settembre Jaramillo fu arrestato mentre cercava di fuggire verso l'Argentina; fu condannato a dodici anni e 180 giorni di carcere, insieme ad altri due dirigenti del Green Cross, Benjamín Raúl Bocaz e Gregorio Risco Villena.[6] Nel 1963, dopo la retrocessione, la società torna in massima divisione; ma ha comunque breve vita. Nel 1964 si fonde difatti con il Deportes Temuco, trasferendosi nella città di Temuco.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

1945
1960, 1963

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Chile 1933, RSSSF. URL consultato il 24-9-2010.
  2. ^ (ES) Camino a la historia, El Mercurio, 18 maggio 2004. URL consultato il 2009.
  3. ^ (EN) Chile 1945, RSSSF. URL consultato il 24-9-2010.
  4. ^ (ES) Chile 1958, RSSSF. URL consultato il 24-9-2010.
  5. ^ (ES) Se cumplieron 41 años de la tragedia de Green Cross, La Cuarta, 24 aprile 2004. URL consultato il 24-9-2010.
  6. ^ (ES) Billetes, a la cancha, El Mercurio, 30 marzo 2002. URL consultato il 24-9-2010.
calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio