Clinton McDonald

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Clinton McDonald
Clinton McDonald in 2013.jpg
McDonald nel 2013.
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso 132 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Defensive tackle
Squadra Stemma Tampa Bay Buccaneers T.B. Buccaneers
Carriera
Giovanili
Memphis
Squadre di club
2009-2010 Stemma Cincinnati Bengals Cincinnati Bengals
2011-2013 Stemma Seattle Seahawks Seattle Seahawks
2014- Stemma Tampa Bay Buccaneers T.B. Buccaneers
Palmarès
Super Bowl 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate all'11 marzo 2014

Clinton McDonald (Jacksonville, 6 gennaio 1987) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di defensive tackle per i Tampa Bay Buccaneers della National Football League.Fu scelto dai Cincinnati Bengals nel corso del settimo giro del Draft NFL 2009. Al college ha giocato a football a Memphis.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Cincinnati Bengals[modifica | modifica wikitesto]

McDonald fu scelto come 249° assoluto del Draft 2009 dai Cincinnati Bengals. Nella sua stagione di debutto non mise mai piede sul campo di gioco ma giocò con la squadra di allenamento. Debuttò nella lega nella stagione 2010 giocando 8 partite, nessuna delle quali da titolare, totalizzando 4 tackle.

Seattle Seahawks[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 agosto 2011, McDonald passò ai Seattle Seahawks in cambio dell'ex scelta del primo giro Kelly Jennings[1]. A Seattle, McDonald riuscì a giocare con maggior frequenza. Giocò tutte le gare della stagione tranne una, mettendo a segno 35 tackle, 6 dei quali nella stessa partita contro gli Atlanta Falcons il 2 ottobre 2011. Nella stagione 2012 Clinton disputò 14 partite, nessuna delle quali come titolare, facendo registrare 25 tackle e un passaggio deviato.

Nella settimana 3 della stagione 2013 contro i Jacksonville Jaguars, McDonald mise a segno i suoi primi 1,5 sack in carriera[2]. Con un altro sack nella vittoria della settimana 7 sugli Arizona Cardinals arrivò a quota 3,5 in stagione[3]. Il primo intercetto in carriera invece lo fece registrare nella vittoria della settimana 11 sui Minnesota Vikings ai danni di Matt Cassel, oltre a recuperare un fumble forzato dal compagno Cliff Avril a inizio gara[4].

Il 2 febbraio 2014, nel Super Bowl XLVIII contro i Denver Broncos, Seattle dominò dall'inizio alla fine della partita, vincendo per 43-8. McDonald si laureò campione NFL mettendo a segno 3 tackle e recuperando un fumble in una gara in cui la difesa di Seattle annullò l'attacco dei Broncos che nella stagione regolare aveva stabilito il record NFL per il maggior numero di punti segnati[5][6].

Tampa Bay Buccaneers[modifica | modifica wikitesto]

L'11 marzo 2014, McDonald firmò coi Tampa Bay Buccaneers un contratto quadriennale del valore di 12 milioni di dollari[7].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Franchigia[modifica | modifica wikitesto]

Seattle Seahawks: Super Bowl XLVIII
Seattle Seahawks: 2013

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Partite totali 52
Partite totali da titolare 2
Tackle totali 99
Sack 5,5
Intercetti 1
Fumble forzati 0

Statistiche aggiornate alla stagione 2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Seahawks send CB Jennings to Bengals for DT McDonald.
  2. ^ (EN) Game Center: Jacksonville 17 Seattle 45, NFL.com, 22 settembre 2013. URL consultato il 23 settembre 2013.
  3. ^ (EN) Game Center: Seattle 34 Arizona 22, NFL.com, 17 ottobre 2013. URL consultato il 18 ottobre 2013.
  4. ^ (EN) Game Center: Minnesota 20 Seattle 41, NFL.com, 17 novembre 2013. URL consultato il 18 novembre 2013.
  5. ^ (EN) Seahawks crush Broncos for first Super Bowl win, NFL.com, 2 febbraio 2014. URL consultato il 3 febbraio 2014.
  6. ^ (EN) Super Bowl, la difesa annienta Manning, Seattle stravince: campione per la prima volta, La Repubblica, 3 febbraio 2014. URL consultato il 3 febbraio 2014.
  7. ^ (EN) "Buccaneers sign Clinton McDonald to four-year, $12 million deal, Bucsnation.com, 11 marzo 2014. URL consultato l'11 marzo 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]