Clinidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Clinidae
Gibbonsia sp.jpg
Gibbonsia. sp
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Blennioidei
Famiglia Clinidae

I Clinidae sono una famiglia di pesci di mare affini ai Blenniidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Sono presenti in tutti gli oceani, soprattutto nelle fasce temperate. Hanno la loro massima diversità nei mari sudafricani ma sono molto comuni in tutto l'emisfero australe. Sono presenti con poche specie nei mari californiani e con una nel mar Mediterraneo dove è presente la specie Clinitrachus argentatus.
Sono pesci bentonici costieri che spesso vivono nella zona di marea o nelle foreste di kelp.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Estremamente simili ai Blenniidae da cui si distinguono per la presenza di scaglie, di solito piccole e poco visibili, e per la pinna dorsale composta del tutto o in gran parte da raggi spinosi. Questa pinna ha spesso un lobo anteriore che può sembrare staccato dalla porzione principale. Possono esserci tentacoli sulla testa ma, a differenza dei blennidi, mai sul muso.
La livrea è di solito mimetica ma ciò nonostante molte specie presentano colori vivaci.
Hanno dimensioni piccole o minuscole tranne il californiano Heterostichus rostratus che può raggiungere i 60 cm.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Carnivori, si cibano di piccoli crostacei, molluschi ed altri invertebrati.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Molte specie sono vivipare a fecondazione interna.

Pesca[modifica | modifica sorgente]

Non hanno nessuna importanza per la pesca se non per quanto riguarda il mercato acquariofilo.

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

Come i blennidi si adattano molto bene alla vita in acquario e sono allevati spesso anche nelle vasche domestiche.

Generi[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Tortonese E. Osteichthyes, Calderini, 1975
  • Costa F. Atlante dei pesci dei mari italiani, Mursia, 1991 ISBN 88-425-1003-3

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci