Cleofe Malatesta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ricostruzione del vestito e delle calzature della "mummia di Mystras", forse proprio Cleofe Malatesta

Cleofe Malatesta, detta anche Cleofa o Cleopa (Pesaro, ... – Mystras, 18 aprile 1433), era figlia di Malatesta IV (1370-1429), Signore di Pesaro e Fano, e di Elisabetta da Varano (sposatisi nel 1383).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 gennaio 1420, andò in sposa a Teodoro Paleologo, despota della Morea e figlio dell'imperatore bizantino Manuele II Paleologo (1390-1425).

In passato, lo storico Du Cange nella sua Historia Byzantina definiva Cleofe come figlia del Signore di Rimini, ma secondo gli studi genealogici attuali, ella discende proprio da Malatesta IV, Signore di Pesaro e Fano.

Di certo sulla sua vita si sa che ebbe una figlia, Elena (1428-1458), che andò in sposa a Giovanni II di Cipro (1418-1458). Dal matrimonio di Elena e Giovanni nacquero Carlotta e Cleofe II (morta in gioventù). Carlotta ebbe due mariti: il primo fu Giovanni di Portogallo (1433-1457) ed il secondo fu Luigi di Savoia, conte di Ginevra (1436-1482).

Cleofe morì in circostanze misteriose nell'aprile del 1433. La sua morte fu commemorata con orazioni funebri di Basilio Bessarione, del medico Demetrio Pepagomeno[1], e in un Elogio di Gemisto Pletone.

Alla corte bizantina di Mystras si dice che portò uno stile più italiano, come si legge ad esempio nei resti del palazzo, dotato di loggiati a tutto sesto. Una tomba scavata nella chiesa di Santa Sofia è stata messa in possibile relazione con Cleofe, poiché appartenuta a una donna con vestiti occidentali. I resti di un vestito quattrocentesco e di calzature sono esposti nel locale museo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. Schmalzbauer, “Eine bisher unedierte monodie auf Kleope Palaiologina von Demetrios Pepagomenos,” Jahrbuch der Österreichischen Byzantinistik (1971) 20:223-240

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Silvia Ronchey, L'enigma di Piero, Rizzoli, 2006.
  • Du Cange Historia Byzantina, p. 243