Clementinae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le Clementinae sono la parte terza del Corpus juris canonici e comprende i canoni del concilio di Vienne (Provenza) del 1311-12 e le decretali di papa Clemente V fino alla sua morte (1314).

Uno scorcio del Palazzo dei Papi di Avignone, residenza pontificia dal 1308 al 1378.

Vicende storiche[modifica | modifica sorgente]

Papa Clemente l'aveva ufficialmente promulgato in un concistoro tenuto a Monteaux , vicino a Carpentras (Francia meridionale), il 21 marzo 1314, e inviato alla Università di Orléans e la Sorbona di Parigi. La morte di Clemente V, avvenuta il 20 aprile successivo, ha dato luogo a qualche dubbio per quanto riguarda il valore giuridico della compilazione. I dubbi venivano sciolti da papa Giovanni XXII, che con la sua bolla Quoniam nulla, del 25 ottobre 1317, rinnovava la promulgazione, senza apportare alcuna modifica al suo interno. Il nuovo pontefice, che era un canonista, volle così nella sede di Avignone riallacciarsi all'opera del suo predecessore.

Il commento, o glossa ordinaria, lo si deve al giurista bolognese Giovanni d'Andrea.

Per tradizione le Clementinae assunsero il nome non ufficiale[1] di Liber septimus delle decretali, dopo i cinque di papa Gregorio IX e il Liber Sextus di papa Bonifacio VIII. Clemente V, primo papa della cattività avignonese, aveva una visione della chiesa innanzitutto come "stabile organizzazione", con una forte attenzione agli aspetti economici.

Le Clementinae sono precedute da:

In epoca successiva si aggiunsero:

Le Constitutiones Clementinae[modifica | modifica sorgente]

Con il nome di Costituzioni Clementine o anche di Costituzioni Apostoliche è nota pure la famosa raccolta ecclesiastico-liturgica attribuita impropriamente a san Clemente, che tratta dei doveri del clero e del popolo e comprende anche la "Messa Clementina", che rappresenta il testo più antico della messa a noi noto[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Compare, in una lettera di papa Giovanni XXII al vescovo di Strasburgo, nel 1321
  2. ^ clementine, costituzióni. URL consultato il 13 settembre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanni Diurni, Aspirazioni di giuridicità del Medioevo d'Italia, Giappichelli, Torino, 2011, ISBN 9788834818206

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]